Ancora neve, con temperature che restano rigide

Ancora neve, con temperature che restano rigide

Ancora neve, con temperature che restano rigide

L'entità dell'evento è di complessa definizione e interpretazione in ambito locale. Ancora per i prossimi 2 giorni sono previste nevicate anche a quote collinari, con gelate soprattutto nel corso delle ore notturne, ma che potrebbero permanere anche nel corso del giorno.

In verde e giallo è indicata la neve.

"La neve va, infatti, ad aggravare la situazione degli animali, che hanno bisogno di ricoveri con le stalle distrutte o inagibili". Abbiamo prontamente avvisato il Ministro Martina che la Basilicata è al centro di un evento meteorologico eccezionale mai registrato negli ultimi 40 anni in questa regione. Purtroppo questa situazione tragica ha colpito altre regioni tra le quali la Calabria, la Sicilia e la Campania e pare che anche l'agricoltura abbia subito ingenti danni; secondo quanto riferito dalla Coldiretti, sembra che migliaia di ettari di verdure pronte per la raccolta siano andate bruciate dal gelo, tante sono le serre danneggiate o andate completamente distrutte sotto il peso della neve. Ieri (sabato 7 gennaio) abbondantemente superato il metro di neve sull'Appennino tra Abruzzo e Molise; locali accumuli da vento (neve trasportata e accumulata ad opera del vento) fino a 4 metri. Risultano esserci, inoltre, diverse aziende isolate che non riescono a fare consegne, anche di beni di prima necessità, come il latte e le verdure.

Riguardo al freddo, stavolta l'aria fredda al suolo si sposterà specialmente verso il settore settentrionale dell'Adriatico e si spingerà lungo la Valle Padana sino al Piemonte, dove a ridosso dei rilievi, compresi anche quelli prealpini ed appenniniche che fanno a cornice della pianura, si avranno precipitazioni più fitte.

Torna il sole e si abbassano ancora un po' le temperature mercoledì 11, con una minima di -3°C e una massima di 4°C. Non capita così spesso che buona parte d'Italia venga interessata da nevicate.

Altre Notizie