Calciomercato Roma, Spalletti parla chiaro: "Cessione Manolas? Farei casino"

La squadra ha capito che in alcuni momenti bisogna preferire la sostanza. Questi sono segnali importanti, a Genova abbiamo vinto meritatamente, ci hanno creato difficoltà ma ci siamo costruiti azioni e trame offensive. "Siamo sulla strada giusta". La partita di Udine "sarà insidiosa come quella di Genova".

Pinzi "Pinzi è stato un professionista eccezionale, io rivedo molto in quella squadra della mia Roma attuale". E personalmente gli voglio fare i complimenti: l'ho messo da tutte le parti e in tutte le parti e devo dire che mi ha sempre dato il risultato. Dentro quella squadra c'erano uomini veri come in questa, c'era Muzzi, Giannichedda, Fiore, Sottil e De Sanctis. Ogni volta che andavamo in campo si andava oltre alle proprie possibilità per il risultato, come in questa squadra qui. A Udine sarà più facile, ma hanno un allenatore espertissimo e bravo. Grandissima coerenza dall'inizio alla fine, ti toglie il fiato, ti viene a stuzzicare dall'inizio perché vuole vincere. Non ha timore o rimorsi.

Spalletti dribbla la domanda sul mercato: "Per me poteva non esserci, questa squadra l'ho scelta io ed è forte così". Ho scelto una squadra e credo sia forte, bisogna lasciarla esprimere. Ho già portato ad allenarsi con noi Frattesi e Tumminello. Se mettiamo dentro calciatori che si possono concedere risultati differenti, ci facciamo del male.

Feghoui, Musonda.il tecnico della Roma non vuol parlare di possibili acquisti. C'è un periodo in cui sarà dura, ma avendo una squadra tosta non penso di avere più problemi del dovuto. Oggi invece è sotto gli occhi di tutti il loro rapporto. Questo diventa difficile, ma anche qui nutro fiducia nella gestione personale. Alberto De Rossi ci da giocatori pronti da inserire in prima squadra. "Sarà dura per chiunque ci troveremo davanti".

Juventus e Napoli più 'forti' della Roma sul calciomercato?

Della partita di domani contro i bianconeri, ne ha parlato Luciano Spalletti, nella conferenza stampa di presentazione che ha spiegato: "Tranne Perotti non ci sarà per un problema al soleo e Florenzi che noi tutti aspettiamo a braccia aperte, per il resto sono tutti a disposizione". Poi purtroppo non si è riusciti a prenderlo perché ci sono club più forti o che hanno al momento più disponibilità rispetto a noi. Io però mi baso su quelli che ho, e che sono lo zoccolo duro. Poi una confessione sul mercato di gennaio: "Per Rincon mi hanno chiesto se mi piaceva e sì, è così". Adesso però il mercato non mi interessa. Poi c'è l'aspetto sei tifosi e delle attese e delle pretese. I rapporti di forza sono gli stessi. Io però non chiedo nulla. E' bene che i miei calciatori sappiano che dovranno fare gli straordinari. "Si diventa di più attraverso il loro lavoro".

SZCZESNY E IL FUTURO - Uno dei punti fermi della Roma è il portiere polacco, ma Spalletti non si sbilancia sul futuro: "Lui ha detto con chiarezza quali sono le potenzialità di Alisson e quelle sono le cose più importanti che ha detto". "Abbiamo sempre detto di aver fatto delle cose buonissime in funzione dello spettacolo e dei gol". Sono sincero quando dico che abbiamo due grandi portieri. "Abbiamo bisogno di tutti e due".

Altre Notizie