Mazzetta da 7.500 euro, arrestato direttore provinciale Agenzia delle Entrate

Mazzetta da 7.500 euro, arrestato direttore provinciale Agenzia delle Entrate

Mazzetta da 7.500 euro, arrestato direttore provinciale Agenzia delle Entrate

Colto sul fatto mentre riceveva una mazzetta all'uscita di un ristorante, ma secondo gli inquirenti si trattava solo l'ennesimo episodio che vedeva come protagonista Walter Pardini, direttore provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Genova da gennaio 2016. Presente all'incontro anche un avvocato 57enne genovese, che è stato denunciato, mentre i tre professionisti campani sono stati a loro volta arrestati. L'accusa per lui è di corruzione. L'inchiesta, della Procura della Repubblica, è coordinata dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e dal sostituto procuratore Massimo Terrile.

Walter Pardini è finito in manette insieme ad altre tre persone. Si parla di una cifra da 7500 euro.

Il direttore è stato tempestivamente arrestato. Le indagini sono ancora in corso e in mattinata sono partite le perquisizioni negli uffici della sede dell'Agenzia delle Entrate, in vai Fiume a Genova. L'azienda, infatti, aveva un contenzioso fiscale con le Entrate in Campania e, sempre secondo gli investigatori, il cambio di sede sarebbe legato alle promesse ottenute da Pardini per un suo intervento sulla pratica in cambio di soldi.

"È chiaro che sarebbe una presa in giro per chi ascolta affermare che sia stato un arresto casuale - spiega il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi - La Guardia di Finanza non procede ad arresti casualmente per funzionari di grado così elevato".

"L'Agenzia delle Entrate - conclude la nota - condanna con risolutezza i comportamenti disonesti dinnanzi ai quali adotta con fermezza e celerità sanzioni disciplinari espulsive e da anni orienta i propri sistemi di controllo interno nell'individuazione di ogni possibile abuso con particolare riferimento a potenziali comportamenti fraudolenti".

Altre Notizie