Il decreto legge sui vaccini pubblicato domani in Gazzetta Ufficiale

Sibilia a Lorenzin

Il decreto legge sui vaccini pubblicato domani in Gazzetta Ufficiale

Oggi 3 giugno, Giornata nazionale danneggiati da vaccino, si stanno tenendo in tutt'Italia manifestazioni a favore della libertà di scelta e contro il decreto Lorenzin che vorrebbe far passare le vaccinazioni obbligatorie da 4 a 12 e che prevede l'impossibilità per i non vaccinati di frequentare le scuole da zero a sei anni, mentre per le scuole dell'obbligo sono previste pesanti sanzioni ai genitori che non vaccinano. "Ce ne sono alcune che stanno già organizzandosi", ha aggiunto il presidente Iss.

"Nel corso del presidio verranno raccolte firme per chiedere alla Asl savonese di partecipare con propri esperti ad un pubblico dibattito sull'argomento" afferma Maurizio Loschi di Medicina Democratica. Sabato circa cinquecento persone si sono riunite in piazza Scala per rivendicare la libertà della scelta vaccinale. I genitori e i numerosi medici sono scesi in piazza a Milano, Bologna, Roma, Firenze, Torino, Parma, Padova, Udine, Catania raccogliendo l'invito di associazioni e movimenti di protesta. Secondo Martelloni, infatti, "il sistema sanitario sarà intasato da una quantità abnorme di domande e ci sarà un problema enorme rispetto al diritto di istruzione dei bambini". "Anche perché obblighi di questo tipo non ci sono in quasi nessun Paese europeo". "E' l'atto più amorevole che potete fare". Sul clima teso di questi tempi Ricciardi confessa di aver ricevuto anche lui insulti via web:"Ma chi fa scienza deve anche saper sfidare il senso comune". "Va detto che quando non c'erano i vaccini e gli antibiotici si moriva a 40 anni - sottolinea il presidente - Il nostro corpo è formato per il 90% da cellule microbiotiche e solo per il 10% da cellule umane". Gli ha chiesto Giubilei. "Il 70% dei genitori in Italia e' convinto dell'importanza dei vaccini, il 30%, soprattutto le madri, ha timori".

E' normale anche perché con la scomparsa delle malattie, è calato il timore che queste suscitano. "La scarsa informazione trova terreno fertile dove manca la capacità di comprendere le informazioni scientifiche, bisogna quindi partire dalla scuola per informare".

Altre Notizie