M5s non dà indicazioni di voto per ballottaggi dove è assente

Sono gli ultimi appelli in vista del folle ballottaggio di Trapani.

Tutto facile per il Pd dunque? "Non rientra nella mia natura pensare di non aver espresso la mia posizione su chi andrà a gestire la mia città, con soldi pubblici, prendendo decisioni su grandi opere che mi riguardano e riguardano tutti i cittadini di Padova".

E' intervenuta anche la governatrice del Friuli Venezia Giulia che ha esortato i Trapanesi ad andare "alle urne, al di là del colore politico, perché ogni città merita di avere un sindaco". "Credo che sia necessario dare un segnale forte di amore per la città partecipando al voto". "Chi andrà a votare sceglierà di affidare il destino della città ad una amministrazione eletta democraticamente e realizzerà un'inversione di tendenza rispetto alla politica del passato che - conclude Savona - ci sta consegnando una città devastata materialmente e moralmente, con una immagine compromessa in tutta la nazione". Nei giorni scorsi, invece, a Trapani sono arrivati il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, il sottosegretario Davide Faraone, l'appena rieletto sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. "Cittadini di Trapani, e Trapanesi del MoVimento (vi chiamano aghi della bilancia ma non ci credete) vi rivolgo un appello!-scrive Grillo sul blog- No, non andate a votare!".

Oggi sulla sua pagina facebook Daniele Ghirarduzzi, candidato M5s a Parma al primo turno delle elezioni amministrative, aveva scritto: "Se vuoi impedire che il Pd conquisti il Comune non votare Pizzarotti".

"Aghi della bilancia, soppesate bene il vostro ruolo in tutto questo: nessuno!" Mi appello al vostro senso della decenza e vi prego, mi rivolgo a tutti gli elettori: questo non e' un voto, e' l'autopsia del cadavere di una democrazia marcia. "Quello che Grillo omette nel suo appello eversivo a non votare, infatti - aggiunge l'esponente del Pd - è che in quel caso tutto andrebbe in mano ad un commissario, costretto a svolgere solo l'ordinaria amministrazione. Siete elettori e non dei dissotterratori di mostruosità". Mandate all'aria questa machiavellica torta di merda - e' l'invettiva finale - e lasciate che la citta' venga commissariata subito, che cos'altro potrebbe succedere, fra un anno, o molto meno che verra' commissariata.

Altre Notizie