Dottoressa aggredita in guardia medica nel Catanese: arrestato

Arrestato un 26enne

Arrestato un 26enne

L'aggressione è avvenuta nell'ambulatorio della cittadina siciliana. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il 26enne Alfio Cardillo, arrestato per lo stupro, allo scopo di impedire che la 51enne potesse dare l'allarme, appena entrato nei locali ha rotto il telefono fisso dell'ufficio e disattivato il pulsante che fa scattare l'emergenza alla sala operativa del 112.

Un passante sentendo le urla della donna ha avvisato i carabinieri che sono subiti intervenuti. Quest'ultimo, in una nota molto dura, arriva addirittura a profilare lo stop del servizio di guardia medica finché le istituzioni e le forze dell'ordine non garantiranno la sicurezza all'interno delle strutture. Tutti in paese lo conoscevano: non aveva mai dato segni di squilibrio anche se le colleghe del medico violentato ci confermano che fosse andato in guardia medica altre volte, almeno due, per piccoli problemi.

Dopo il caso che vi abbiamo raccontato ieri della donna tedesca di 57 anni legata e violentata a Villa Borghese a Roma, un'altro caso di violenza sessuale arriva dalla provincia di Catania. La dottoressa, che sarebbe riuscita a fuggire, è stata soccorsa da militari dell´Arma che hanno fatto irruzione nella guardia medica e arrestato il 26enne. L'uomo e' stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza. La donna è ora ricoverata nell'ospedale di Acireale per gli accertamenti di rito.

Un giovane ventiseienne è stato arrestato a Catania per aver aggredito e stuprato una dottoressa che era di turno in una guardia medica.

Altre Notizie