MONCALIERI - Bancarotta fraudolenta: in manette imprenditore moncalierese

Bancarotta fraudolenta, Burgio: “Ho cercato sempre di salvare le mie aziende”

"Bancarotta da 20 milioni di euro", Burgio si difende: "Mai intascato un centesimo"

Agli arresti domiciliari anche il commercialista ternano Andrea Pierini, 48 anni, con l'accusa di bancarotta fraudolenta per il fallimento della Valorizzazioni immobiliare srl, di cui era rappresentate legale. In particolare, De Angelis funzionario di banca in pensione, aveva nel tempo assunto cariche in ben 44 società, molte delle quali già fallite, mentre in altre riveste il ruolo di liquidatore.

Fermato dalla guardia di finanza su disposizione del gip del tribunale torinese, l'uomo è l'amministratore unico della Bei Ilte, la società di Moncalieri fallita lo scorso anno che stampava le Pagine Gialle. Nel 2009 lamministratore avrebbe disposto la cessione dello stabilimento produttivo della società, nella zona industriale di via Postiglione, incassando 60 milioni di euro, importo che, secondo gli inquirenti solo in minima parte sarebbe stato impiegato risollevare le sorti dellimpresa. Inoltre, i tre imprenditori, prima del fallimento, "hanno tentato di vendere numerosi appartamenti di proprietà della fallita, riuscendo ad intascare i corrispettivi dei contratti preliminari stipulati con gli acquirenti". Diversamente, ritenere sufficiente la constatazione in sé dell'atto distrattivo significherebbe ricostruire la fattispecie in esame in termini di pericolo presunto, ossia "come ipotesi criminosa che si affida ad una catena di presunzioni proprio sulla rimproverabilità della esposizione a pericolo del patrimonio, destinata a divenire reato fallimentare, però, solo con la successiva declaratoria giudiziale"; con ciò rendendo plausibile in alcuni casi - continuano a precisare i giudici - il sospetto di addebito a titolo di responsabilità oggettiva.

Altre Notizie