Roma, Di Francesco allontana negatività e sprona Dzeko. Florenzi dal 1'

Eusebio Di Francesco

Eusebio Di Francesco

A Roma Florenzi trovò Zdenek Zeman, e cioè terreno fertile per consacrare il suo talento, tanto è vero che andò a segno già nella seconda giornata di campionato contro l'Inter a San Siro, un esordio da impavido nella scala del calcio. Dalla battuta dei giorni scorsi di Massimo D'Alema ("la squadra non ha gioco ed è destinata a lottare per la salvezza"), passando per il presunto malcontento del presidente James Pallotta, fino allo sfogo di Edin Dzeko nel post partita con l'Atletico Madrid, Eusebio Di Francesco ne ha avute per tutti in conferenza stampa.

"Dzeko? Quando parli di una grande squadra e' normale che si creino polemiche e discussioni in citta', la pressione e' alta ma noi dobbiamo saperci convivere". "Alla lunga il gol lo ritroverà e avrà le sue chance". Lo stesso Florenzi, ai microfoni di Sky Sport, si è soffermato sul ritorno in campo in Serie A e sull'attualità in casa giallorossa. "Sono colpito dal gioco offensivo che ha cercato di mettere in campo da subito. No se volete mi metto con il 5-3-1-1". Sta lavorando, sia da prima punta che da esterno.

Un successo domani sera contro il Verona, reduce dalla pesantissima batosta interna contro la Fiorentina, potrebbe contribuire a far tornare il sereno sotto il cielo della Capitale. "Lui ha tanta qualità e caratteristiche particolari che mi potranno permettere di cambiare assetto in determinate circostanze". "La Roma lotterà per la salvezza?" Tornando a questioni di campo, Di Francesco ha comunque un motivo per cui sorridere. "Giocherà dall'inizio come esterno basso, ha fatto un percorso importante poi il campo dirà la sua", ha annunciato. Qualche nuovo acquisto non si è ancora visto? "Ha avuto un piccolo risentimento ma è convocato - ha rivelato l'allenatore della Roma - non ha i novanta nelle gambe ma a partita in corsa può essere determinante".

Altre Notizie