Rubano oltre mille cabine elettorali a Palermo: 3 denunce

Rubate mille cabine elettorali a Palermo tre denunciati

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando esce dalla cabina elettorale dopo il voto

Oltre mille cabine elettorali in metallo, per un una valore di circa 200mila euro, sono state rubate nei giorni scorsi a Palermo. Il mezzo, infatti, è stato intercettato e bloccato dopo qualche ora, nel comune di Carini. Dopo averne individuato la targa, gli agenti della Digos sono riusciti a risalire all'identità del conducente, che è stato denunciato per furto aggravato.

I poliziotti della Digos hanno avviato controlli nel territorio di Carini al fine di accertare se la refurtiva fosse stata depositata in qualche piattaforma di raccolta e stoccaggio di ferro.

L'intuizione si è rivelata esatta: la 'merce' era stata depositata lì, in due viaggi, dal 36enne alla guida del furgone, insieme ad un complice. Più della metà delle strutture in metallo era stata triturata. Grazie a ulteriori sviluppi delle indagini, è stato successivamente individuato un complice: un pregiudicato palermitano di 42 anni, denunciato per lo stesso reato. L'amministratore della ditta, un 61enne di Carini, è stato denunciato per riciclaggio, mentre la refurtiva, sotto sequestro, è stata affidata al Comune di Palermo.

Altre Notizie