Schianto Ferrari a Singapore: di chi la colpa?

Hamilton nell'abitacolo della sua monoposto

Hamilton nell'abitacolo della sua monoposto

L'incidente, che ha monopolizzato l'attenzione nelle prime fasi di gara e che ha spianato la strada al successo di Lewis Hamilton, dunque, è da ritenersi come un normale contatto tra vetture nelle prime, concitate, fasi di un Gran Premio che poteva indirizzare il mondiale. "Non ho molto da dire - commenta il ferrarista - ho visto Max (Verstappen, ndr) avvicinarsi, ho cercato di chiuderlo, ho sentito la botta ed è finita lì". Ad emergere sono le dichiarazioni del padre di Max, Jos Verstappen: "Vettel avrebbe davvero meritato una penalità, ma non hanno voluto essere frettolosi, visto che aveva già avuto un avvertimento", spiega ad Autosport. La decisione, che era attesa subito dopo la gara, è stata presa da Gerd Ennser, Silvia Bellot, Nish Shetty e il nostro Emanuele Pirro che, dopo essersi riuniti, hanno optato per non punire nessuno.

In base a quanto ricostruito però dai colleghi di Sky F1 sarebbe un mistero il nome della persona che ha pubblicato il velenoso messaggio: il tweet non sarebbe stato pubblicato dal Responsabile della Comunicazione della Ferrari, tanto meno approvato da qualcuno del Cavallino Rampante, tanto da arrivare a pensare che a buttare ulteriore benzina sul fuoco per un fatto che farà parlare ancora parecchie settimane, sia stato un membro del team all'interno del garage. "Vediamo cosa diranno i commissari, anche se non cambierà più nulla a questo punto". Raikkonen, che è stato quello che è partito meglio, si è infilato tranquillamente alla sinistra di Verstappen, il quale è partito meglio di Vettel e quindi, con il muso, si è andato a infilare alla sinistra del tedesco. Sono cose che capitano, anche se abbiamo pagato un prezzo troppo salato. E in effetti, a prescindere dalle presunte colpe, sui 28 punti di distacco in classifica tra Hamilton e Vettel, pesanti come un macigno, non si può tornare indietro. Non dobbiamo cercare di capire di chi è la colpa dell'incidente ma analizzare i fatti, e i fatti sono molto chiari.

Altre Notizie