Un robot ha diretto l'orchestra al concerto di Bocelli

Il robot YuMi conduce Verdi con l'orchestra Filarmonica di Lucca e Andrea Bocelli

Canta Andrea Bocelli, ma a rubare la scena è YuMi, il primo direttore d'orchestra robot

Si tratta di YuMi, prodotto dalla Abb e programmato con l'aiuto del maestro Andrea Colombini per contribuire alla direzione dell'orchestra.

YuMi è un cobot, cioè un robot collaborativo, l'unico sul mercato ad avere due bracci anziché uno solo. Pensato per collaborare con gli operatori umani nelle operazioni di assemblaggio elettronico, ieri è stato "costretto" a dismettere i panni dell'operaio e a vestire quelli del direttore d'orchestra. YuMi, un robot a doppio arco progettato dall'azienda ABB Ltd, ha accompagnato il tenore italiano Andrea #bocelli conducendo l'Orchestra Filarmonica di Lucca in occasione di un evento di gala nel Teatro Verdi di Pisa tenutosi martedì sera. Insomma, i direttori d'orchestra in carne e ossa possono dormire sonni tranquilli, come ha spiegato il violinista Brad Repp: "Questo non è il futuro, non c'è nessuna possiblità che lo diventi".

Ma non è tutto, a dividere la scena con YuMi c'era anche Andrea Bocelli, voce italiana di rilevanza internazionale che non ha esitato a prestarsi a questo esperimento. "Questo è un passo in avanti incredibile, vista la rigidità dei gesti dei robot precedenti", ha scritto Colombini.

La prestazione del robot è stata sviluppata in due fasi.

La seconda fase ha comportato il perfezionamento dei movimenti grazie al software RobotStudio di ABB, che ha assicurato la sincronizzazione tra i movimenti e la musica.

Altre Notizie