"Nel Trono di Spade posso violentare bellissime donne": Jason Momoa nella bufera per una battuta del 2011

Brutta situazione quella in cui si è cacciato postumo Jason Momoa nei giorni scorsi.

Purtoppo quelle parole sono esplose come una bomba contro di lui in un momento in cui il caso del produttore Harvey Weinstein ha gettato nuova luce su una "pratica", quella degli stupri e delle molestie, tristemente ricorrente nel mondo di Hollywood (e non solo).

"Amo la fantascienza e il fantasy, adoro questo genere, si possono fare un sacco di cose come strappare la lingua dalla bocca di qualcuno e stuprare belle donne per farle innamorare di te, capite cosa intendo?".

L'attore, dall'Australia, si è subito scusato con un messaggio postato su Instagram. Sono deluso con me stesso per l'indelicatezza che ho mostrato quel giorno. La violenza sessuale può colpire chiunque e me ne sono reso conto di persona nella mia famiglia. Ho fatto un commento davvero privo di gusto e sensibilità. "È inaccettabile e mi scuso ancora con il cuore pieno di vergogna per le parole che ho pronunciato". Verrà perdonato dai suoi fan?

Altre Notizie