De Laurentiis: "Tavecchio si dimetta. Insigne? Inutile convocarlo e non farlo giocare"

E' una furia Aurelio De Laurentiis contro Ventura il presidente del Napoli è categorico

De Laurentiis: «Inutile convocare Insigne per farlo star fuori o per schierarlo fuori ruolo»

Aurelio De Laurentiis, all'indomani dalla mancata qualificazione dell'Italia ai mondiali di Russia 2018, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la disfatta azzurra Questo uno stralcio delle dichiarazioni del presidente del Napoli: "Tavecchio?".

Il patron azzurro ha poi rincarato la dose su Ventura ricordando l'esonero del 2004-05, prima stagione della sua era, in Serie C: "Un bravo allenatore, ma anche io a Napoli lo cambiai dopo poche settimane". Utilizzando i vari gioielli fuori ruolo fai un danno, a livello internazionale non appaiono come dovrebbero e da vetrina positiva la nazionale si trasforma in vetrina negativa. Chi vede in maniera superficiale queste partite potrebbe dire: "Ma questi calciatori allora valgono meno di quello che in effetti si dice".

"Tavecchio? Se fossi in lui mi dimetterei, ma non solo lui: Uva e tanti altri". Pure il Coni ha delle responsabilità perché avrebbe dovuto obbligare la Federcalcio a fare un altro tipo di attività: non si può passare da Conte a quest'altro allenatore. "Un giovane di 35 anni...", ha concluso De Laurentiis.

Altre Notizie