Per la prima volta modificato il Dna direttamente su un paziente

Usa,primo Dna modificato su un paziente

Modificato il Dna su un uomo con malattia rara

L'esperimento è stato realizzato lunedì a Oakland, in California, su Brian Madeux, un 44enne affetto da una rara malattia metabolica congenita chiamata sindrome di Hunter. I primi segni per capire se l'approccio sta funzionando si avranno in un mese, ma entro tre mesi si saprà con sicurezza se il trattamento è riuscito. Finora è stato modificato in laboratorio il Dna di cellule che sono poi state reimpiantate nei pazienti.

Con la nuova tecnica, la modifica del gene sta avvenendo all'interno del corpo: è come inviare un "mini chirurgo" per collocare il nuovo gene nella posizione giusta.

Una prova scientifica che potrebbe cambiare la storia.

Usa,primo Dna modificato su un paziente

Chi soffre della sindrome di Hunter - si stima meno di diecimila persone al mondo, un numero basso anche perché molti muoiono in giovane età - manca di un enzima in grado di "rompere" alcuni carboidrati che quindi si accumulano nel corpo provocando vari problemi.

Madeux, che era uno chef per le celebrities ed è fidanzato con un'infermiera, Marcie Humphrey (con lui nella foto) ha avuto 26 operazioni di ernia, bunioni, problemi a orecchio, occhio e cistifellea.

La modifica del gene non risolverà i danni che ha già subito, ma Madeux spera che possa almeno svincolarlo dalla necessità di trattamenti enzimatici settimanali.

Altre Notizie