Cronaca - Sentenza processo Eternit Bis: i provvedimenti sono stati dichiarati inammissibili

Il processo Eternit bis a rischio prescrizione

Cassazione: processi restano spacchettati e omicidio colposo

"I quattro tronconi, residuati dallo spacchettamento del processo Eternit bis, sono in fasi diverse: presso il Tribunale di Napoli sono nella fase delle indagini preliminari, a Torino il processo è nella fase dibattimentale, a Vercelli e Reggio Emilia i procedimenti sono in fase di indagine". Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo. "C'erano dei vizi formali". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma.", ha aggiunto l'avvocato che rappresenta l'associazione mutilati e invalidi sul lavoro. "Ci aspettavamo che la Cassazione applicasse semplicemente la legge, senza scivolare sulle difese tecniche", ha concluso deluso Gabrielli. Se la richiesta venisse accolta dai giudici, a Vercelli, tribunale competente per il territorio di Casale Monferrato, confluirebbe la gran parte dei casi, 243 su 258.

Un fatto gravissimo. Così la Cgil commenta la decisione della Cassazione di derubricare il capo di imputazione a carico dell'ex ad Schmidheiny nel processo Eternit bis da omicidio volontario a omicidio colposo. Anche il sostituto pg Delia Cardia, nell'udienza a porte chiuse svolta ieri al 'Palazzaccio', aveva chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso della Procura di Torino.

Altre Notizie