Forza Nuova, spedizione contro La Repubblica con fumogeni e striscioni

Roberto Fiore segretario nazionale Forza Nuova

Roberto Fiore segretario nazionale Forza Nuova

Queste le sue parole, riportate dall'Ansa: "Con le motivazioni da me già espresse in Parlamento, ho già dato disposizione al questore di Roma di non concedere l'autorizzazione per la manifestazione promossa da Forza Nuova a Roma il prossimo 28 ottobre". Non facciamo l'errore di sottovalutare queste cose. E' quanto si legge in un tweet del quotidiano La Repubblica, che sul suo sito precisa: un gruppetto di militanti mascherati, che esponevano una bandiera di Forza Nuova e un cartello con la scritta "Boicotta Repubblica e L'Espresso", ha acceso fumogeni sotto la sede del giornale e letto un proclama di accuse alla redazione.

Un blitz con striscione e torce, nel corso del quale un portavoce del movimento ha letto la nostra "dichiarazione di guerra" contro il Gruppo L'Espresso.

Secondo Forza Nuova, "il Gruppo De Benedetti, agli ordini di Soros, Renzi e Boldrini, è la voce di chi sta attuando il genocidio del popolo italiano". "Oggi rappresentiamo ogni italiano da chi con la penna favorisce Ius soli, invasione e sostituzione etnica". "Oggi è stato solo il 'primo attacco' contro chi diffonde il verbo immigrazionista, serve gli interessi di Ong, coop e mafie varie".

Blitz di alcuni manifestanti con volto travisato e bandiere di Forza Nuova sotto la sede romana del quotidiano La Repubblica e del settimanale L'Espresso. E c'è anche un fermo; la polizia sta vagliando la posizione di una persona e sta analizzando le immagini delle telecamere per fare luce sull'accaduto.

Immediato il messaggio del ministro della Giustizia Orlando: "Solidarietà a Repubblica come a tutte le altre testate che subiscono minacce, è una cosa inaccetabile". Non ci fanno paura.

"La libertà di stampa non si tocca".

Solidarietà al gruppo l'Espresso è stata manifestata anche dal capogruppo Pd al Senato, Luigi Zanda, che in una nota incoraggia i giornalisti a "proseguire nella ricerca della verità". Lo scrive su twitter il vicesegretario Pd Maurizio Martina.

Altre Notizie