Lavoro: continua il boom occupati a termine, disoccupazione stabile

Lavoro, record di dipendenti a termine: 2,8 mln

Istat, record di occupati a termine: sono 2,8 milioni

Secondo il nuovo rapporto dell'Istat 'Il mercato del lavoro - Una lettura integrata'.

Nei mesi estivi - quelli del terzo trimestre dell'anno - è proseguito il il boom degli occupati a termine.

Tornando ai numeri assoluti come detto nel terzo trimestre l'occupazione presenta una nuova crescita congiunturale, cioè rispetto al trimestre precedente, di 79 mila occupati, pari ad un +0,3%, dovuta all'ulteriore aumento dei dipendenti (+101 mila, +0,6%), soltanto nella componente a tempo determinato a fronte della stabilità del tempo indeterminato, il cui numero è sostanzialmente invariato rispetto al trimestre precedente. Il tasso di occupazione cresce di 0,2 punti rispetto al trimestre precedente arrivando al 58,1%.

MERITO DEL PIL -Tale crescita nel tasso di occupazione sarebbe da attribuire, secondo l'istituto di statistica, all'accellerazione dell'economia italiana nel terzo trimestre del 2017, con il Pil che registra un aumento congiunturale dello 0,4%. Continuano invece a calare gli indipendenti (-22 mila, -0,4%). Questo aumento è in linea con il trend generale di un 2017 che ha visto l'economia del paese crescere coplessivamente dell' 1,7%. dato che eccede positivamente la media dei paesi dell'area Euro, cresciuti complessivamente dello 0,6% rispetto al trimestre precedente e del 2,5% nel confronto con lo stesso trimestre del 2016. Lo certifica l'Istat, che ne registra quasi 2,8 milioni (2,784 milioni), al top dall'inizio della serie iniziata nel quarto trimestre del 1992. Positivo anche il dato sui cosiddetti 'sfiduciati', persone classificate come inattive, che vorrebbero lavorare ma non cercano un impiego perché ritengono di non riuscire a trovarlo, in calo di 101mila unità nel 2017.

I disoccupati si attestano a 2 milioni 909mila, anche qui pressoché stabili sul trimestre precedente (+0,1%).

Altre Notizie