Addio a Michele Gesualdi, simbolo della battaglia per la legge sul biotestamento

Addio a Michele Gesualdi, simbolo della battaglia per la legge sul biotestamento

Addio a Michele Gesualdi, simbolo della battaglia per la legge sul biotestamento

Si è spento all'età di 74 anni Michele Gesualdi ex presidente della provincia di Firenze. Ad accompagnare Gesualdi, divenuto nei suoi ultimi mesi di vita, lui uomo di fede, un simbolo per l'approvazione della legge sul biotestamento, circa 200 persone.

Tra i primi messaggi di cordoglio, quello su Twitter del sindaco di Firenze, Dario Nardella: "Era uno dei ragazzi di Don Milani". Nei percorsi formativi dei suoi quadri, che si tengono nel centro nazionale di formazione di Amelia, in provincia di Terni, la scuola di Barbiana è diventata un punto di riferimento per consolidare le motivazioni all'impegno sindacale, che nel pensiero di don Milani, come la scuola e la politica, rappresentano un modo di amare il prossimo. Sabato a Barbiana si sono svolti i funerali. "Solo il cervello si conserva lucidissimo insieme alle sue finestrelle cioè gli occhi, che possono comunicare luce ed ombre, sofferenza, rammarico per gli errori fatti nella vita, gioia e riconoscenza per l'affetto e la cura di chi ti circonda". Michele sarà sempre nel cuore di noi Fimmini come testimone vivo degli insegnamenti della scuola popolare che è stata soprattutto scuola di libertà rispetto a tutti i poteri in una fase di conformismo e mediocrità.

Presidente e socio fondatore della fondazione don Miliano dopo l'esperienza di governo, è stato un esponente del Partito Democratico. "Sono vicino alla sua famiglia", ha commentato il di Matteo Renzi. La figlia di Gesualdi, Sandra, haricordato commossa la figura del babbo e dell'educatore, dandolettura di una lettera scritta da don Milani allo stessoGesualdi. A marzo dell'anno scorso aveva scritto ai presidenti di Camera e Senato di approvare al più presto la legge sul testamento biologico. A fine anno è riuscito a vincere anche quest'ultima battaglia.

Diversi parroci hanno celebrato la funzione, anche Don Alessandro Santoro delle Piagge.

Altre Notizie