Bezos e Amazon insieme ai Dreamer

Usa Jeff Bezos dona 33 milioni di dollari ai Dreamers

Bezos e Amazon insieme ai Dreamer

Il fondatore di Amazon, insieme alla moglie MacKenzie, ha donato 33 milioni di dollari per garantire 1000 borse di studio ad altrettanti giovani immigrati che, arrivati minorenni negli Stati Uniti, non hanno il permesso di soggiorno.

Tale donazione arriva in un momento di tensione negli Stati Uniti sul tema dell'immigrazione, con Trump che si esprime duramente a riguardo e il piano a difesa dei Dreamer che prosegue, meglio conosciuto come Deferred Action for Childhood Arrivals.

La settimana scorsa un magistrato, William Alsup, di San Francisco, ha accolto la richiesta di bloccare la decisione del governo Trump di far cessare il programma volto a tutelare i circa 800 mila "Dreamers", programma istituito dall'ex presidente Barack Obama. Trump aveva definito "oltraggiosa" la decisione del magistrato.

Oltre 100 dirigenti d'azienda americani - tra cui Apple, Facebook, Gm, Coca Cola, Amazon, Google, Uuber, Intel - hanno firmato una petizione chiedendo al Congresso di intervenire e votare una legge per salvare il programma Daca.

Un business da miliardi di dollari, come il protagonista del resto.

Era stato annunciato da una pattuglia bipartisan di esponenti del Congresso un accordo per risolvere il problemi, ma la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha sostenuto che "non è ancora stato raggiunto un accordo" per proteggere i 'dreamers'.

Altre Notizie