Esonero Mihajlovic ad un passo, pronto Mazzarri

Mihajlovic Tapiro di Striscia la Notizia e frecciata a Cairo e alla VAR

Esonero Mihajlovic ad un passo, pronto Mazzarri

Un sesto posto valido per la qualificazione in Europa League e l'anno successivo una terza piazza con accesso in quella Champions che ai partenopei mancava da 21 anni. Non per molto dato che Conte, nuovamente insoddisfatto dall'assenza di risposte da parte della dirigenza sugli obiettivi di mercato per potenziare sempre di più la rosa juventina, in estate chiuse baracca e burattini e abbandonò la flotta bianconera per intraprendere l'avventura nella Nazionale italiana prima e al Chelsea dopo. Insieme a Frustalupi valuteremo e metterò la migliore formazione contro il Bologna. Vediamo se questi ragazzi ci daranno soddisfazione subito. Se c'è una squadra che ho allenato in cui vorrei rispecchiarmi? Grande la delusione nell'ambiente torinista dopo il secondo gol contestato da Mihajlovic e la sua conseguente espulsione, oltre che ovviamente per il ko con la Juve. "Si deve lavorare sul gioco e le cose sbagliate, facendo così arriveranno i risultati".

Un pensiero su Niang: "E' un ragazzo che conosco, è un bravo ragazzo". Sa che deve lavorare sulla sua convinzione, non offre il 100%. "Curo molto i rapporti personali". Ma che arriva in anticipo di due giorni rispetto all'ultima spiaggia-Bologna che ieri sera la società sembrava volergli concedere. Il vero allenamento lo facciamo ora, quindi non so ancora dire. "Davvero, non per fare pretattica". Petrachi? Ognuno ha il proprio ruolo. L'intervento di Khedira che ruba palla ad Aqua da cui nasce l'azione che chiude di fatto il match e fa saltare i nervi a Mihajlovic: non sarà alla fine questa nuova esplosione di rabbia a far saltare il tappo di una bottiglia già troppo agitata all'interno della quale c'era la lettera d'esonero. Nella mia carriera ha giocato con tutti i moduli, tranne quello che prevede la difesa a tre. Coniugare il bel gioco ad un gioco efficace, perché poi tutti veniamo giudicati dal risultato. La scelta sembra essere definitiva, Mihajlovic aspetta comunicazioni e ufficialità di un divorzio che segue un periodo di profonda involuzione per il Toro. Sto facendo la spugna, cercando di capire il più possibile e riferire alla società. Protetto dai vetri scuri dell'auto di grossa cilindrata, il neo tecnico del Torino non ha voluto scambiare alcuna parola con i cronisti in attesa. Non dico altro perché sono scaramantico. Con la compagine inglese centra l'obiettivo della salvezza, ma il feeling con i tifosi non decolla, evidenziando, altresì, difficoltà con la lingua.

Altre Notizie