Incideva le sue iniziali sui fegati dei pazienti: chirurgo dovrà lavorare gratis

Il chirurgo Simon Bramhall, [VIDEO] accusato di aver inciso con le sue iniziali il fegato di due pazienti durante due interventi di trapianto effettuati il 9 febbraio ed il 21 agosto del 2013, quando ancora lavorava a #birmingham presso il #Queen Elizabeth Hospital, è stato condannato a pagare una multa di 10mila sterline e dovrà lavorare gratuitamente per 12 mesi.

Lo scorso 13 dicembre il chirurgo aveva confessato durante l'audizione in Tribunale, svoltasi presso la Birmigham Crown Court, di aver firmato gli organi dei due pazienti utilizzando il laser argon, uno strumento chirurgico che serve a fermare le emorragie.

Il medico avrebbe potuto passarla liscia qualora uno dei pazienti non fosse stato costretto a ricorrere nuovamente ad un altro intervento.

Il chirurgo dinanzi alla Corte si è giustificato affermando di "essere stressato". "Le due operazioni erano state lunghe e difficili". Ammetto che era stanco e stressato e che questo può avere avuto un impatto sulla sua capacità di giudizio. "Ma la sua condotta deriva da una arroganza professionale di dimensioni tali da tradursi in un comportamento criminale", ha detto il giudice Paul Farrer. "Ha abusato del suo potere e tradito la fiducia che questi pazienti avevano riposto in lei", ha aggiunto il magistrato.

Altre Notizie