Lombardia: attesa per scelta Maroni, in pole Fontana o Gelmini

Lombardia: attesa per scelta Maroni, in pole Fontana o Gelmini

Lombardia: attesa per scelta Maroni, in pole Fontana o Gelmini

Dice Parisi (com cui Sgarbi vorrebbe unirsi) che "dietro le motivazioni espresse da Maroni non ci sono ragioni personali, ma un disegno politico di Forza Italia contro la Lega". Nella nota congiunta diffusa dopo il vertice, si precisa che "se davvero il presidente Maroni per motivi personali non confermasse la disponibilita' alla sua candidatura" in Regione "verrebbe messo in campo un profilo gia' comunemente individuato". Lascia per "motivi personali", ha spiegato lo stesso governatore durante una conferenza stampa e ha lanciato la candidadura dell'ex sindaco di Varese, Attilio Fontana. "Stiamo attendendo i sondaggi sul confronto tra Gori/Fontana o Gelmini/Gori".

A conferma di ciò, anche le parole del Segretario della Lega Nord, Paolo Grimoldi: "Nella giornata di domani - se il presidente Maroni dovesse confermare la sua indisponibilità a ricandidarsi alla guida della Regione Lombardia - la Lega Lombarda nel pomeriggio riunirà il Consiglio Nazionale per ratificare il candidato, condiviso con tutti gli alleati del centrodestra, idoneo a garantire il buon proseguimento del lavoro svolto in questi anni dalla Giunta Maroni, per continuare a far crescere la nostra Lombardia". Secondo il "federatore" di Arcore il centrodestra trainato da Forza Italia "è in continua crescita. Quindi è chiaro che se sei soddisfatto e ti senti arrivato per quello che hai fatto, evidentemente non puoi fare altro", conclude Salvini punzecchiando ancora Maroni. Però mancano due mesi alle elezioni. Il governatore lombardo ha detto di aver chiuso le sue esperienze romane, ma una chiamata alla responsabilità sarebbe difficile da respingere. Secondo Berlusconi, Di Maio & soci non solo non sanno cosa vuol dire lavorare ma neanche cosa significa governare: eh sì, la campagna elettorale è proprio cominciata.

Altre Notizie