Salone del libro, sotto inchiesta l'assessore Parigi e l'ex sindaco Fassino

Salone del libro avviso di garanzia a Fassino e assessora Parigi

Fassino indagato nell'inchiesta sul Salone del Libro di Torino

Mentre l' assessore Parigi ha espresso "la propria fiducia nell' operato della magistratura" e garantito "la massima collaborazione" al pubblico ministero Gianfranco Colace.

Sulla questione interviene anche il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino: "Nell'apprendere le notizie riguardanti gli odierni invii degli avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sul Salone del Libro di Torino, ricordo che mai come in questo caso l'avviso di garanzia vale come atto a tutela dei diritti delle persone indagate". Lo dichiarano i segretari del Pd del Piemonte e di Torino, Davide Gariglio e Mimmo Carretta, in merito agli avvisi di garanzia recapitati oggi all'assessora della cultura della regione Piemonte, Antonella Parigi, e all'ex sindaco di Torino Piero Fassino, dalla Procura della Repubblica di Torino sull'indagine in corso sul Salone internazionale del Libro di Torino.

Il fascicolo, in procura, è aperto anche per turbativa d'asta, falso ideologico e falso in bilancio. Secondo quanto si è appreso e riferisce l'Ansa, Parigi è indagata per concorso in turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. È stata l'assessore Parigi a rendere noto l'avviso di garanzia ricevuto dalla procura, che ha intenzione di interrogarla per le procedure di predisposizione del bando per l'oganizzazione del Salone nel 2015 e 2016.

Altre Notizie