Tutti i soldi del mondo: il SAG-AFTRA interviene sulla disparità salariale

Tutti i soldi del mondo recensione cinematographe

L'attore Mark Wahlberg donerà a un'associazione contro le violenze sulle donne gli 1,5 milioni di dollari ricevuti per le

Arriva da USA Today la notizia che Michelle Williams è stata pagata meno dell'1% rispetto a Mark Wahlberg per i reshoot di Tutti i Soldi del Mondo, il nuovo film di Ridley Scott.

Il regista Ridley Scott ha richiamato le star sul set per rigirare le scene che vedevano coinvolto Kevin Spacey sostituendolo con Christopher Plummer. Adesso fonti interne alla produzione avrebbero diffuso i dati sui pagamenti delle star coinvolte nelle riprese. Insomma, fate voi i calcoli della differenza!

Mentre Tutti i soldi del mondo di Ridley Scott continua ad arrancare al boxoffice mondiale, con un incasso complessivo di soli 28 milioni di dollari, lo stesso film è finito quest'oggi nella bufera mediatica a causa di una presunta disparità sessista nei compensi per le riprese aggiuntive. A dicembre Scott aveva spiegato che il costo ridotto era dovuto al fatto che gli attori avevano accettato di effettuale i reshoots gratis.

Le fonti di USA TODAY hanno scoperto che la squadra di Wahlberg ha negoziato invece la somma di 1.5 milioni di dollari per i reshoot, e alla Williams non è stato detto nulla, sebbene siano rappresentati dalla stessa agenzia, la William Morris Endeavor.

Wahlberg ha così comunicato di "supportare al 100% la lotta per paghe eque", donando l'intero ammontare al fondo per le difese legali di Time's Up - il movimento che si prefigge di assistere le vittime di molestie sessuali, abusi e discriminazione sul posto di lavoro - "a nome di Michelle Williams". Attendiamo conferme a questo rumor e reazioni da parte degli interessati.

Altre Notizie