André Silva, così non va: il portoghese delude in Milan-Ludogorets

André Silva Cutrone

André Silva, così non va: il portoghese delude in Milan-Ludogorets

Il 3-0 conquistato all'andata dall'undici rossonero dovrebbe mettere al riparo il Milan da spiacevoli sorprese, consentendo a Gattuso di operare un turnover ragionato in vista dell'importante trasferta in programma all'Olimpico contro la Roma. La Samp è tosta, il Ludogorets era dieci partite europee che non perdeva.

Può capitare anche la Lazio e sono quasi tutti temibili, fra Arsenal, le tedesche Lipsia e Borussia, le spagnole Atletico Madrid e Atletico Bilbao, le russe Cska, Lokomotiv Mosca e Zenit, le francesi Lione e Marsiglia, ma anche Dinamo Kiev, Sporting Lisbona, Plzen, e Salisburgo.

Bisognerebbe trovare acquirenti disposti a puntarci su, e magari un buon Mondiale in Russia potrebbe dare una grossa mano, con tanto di valutazione che si impennerebbe verso l'alto. Le cose stanno andando bene e non voglio per il momento cambiare molto. "Magari in futuro il trequartista si potrà utilizzare, ma rimanendo sempre compatti". Ha la testa da calcio inglese e dà sempre tutto in campo. Ci tiene, ha grande voglia e quando sta fuori ha la faccia poco simpatica. Ieri André Silva è risultato impalpabile, ha servito 18 palloni giocabili ai compagni ma ne ha persi altrettanti. Queste le sue parole: "Sono contento di non aver subito gol, ho battuto su questo tasto nei giorni scorsi". A molti sembrava una partita facile ma invece affrontavamo una squadra molto pericolosa. "Giocheranno calciatori della prima squadra perchè rispettiamo l'avversario, siamo in corsa su tre fronti e non possiamo sbagliare nulla". Le vicende societarie? Le viviamo bene, siamo una società virtuosa. Ci sarà spazio per Andrè Silva ed il tecnico si esprime così: " Contro la Sampdoria ha fatto un'ottima gara, gli manca solo il gol per ritrovare fiducia".

Altre Notizie