Elezioni politiche, sondaggi: tutto dipenderà da 30 seggi

Elezioni, cosa dicono gli ultimi sondaggi

Elezioni: Berlusconi, Italia ha bisogno di me

Per il sondaggio di Euromedia per Porta a Porta si arriva a toccare anche la fatidica quota del 40% che con la vecchia legge elettorale avrebbe fatto scattare un premio di maggioranza e che con l'attuale legge costituisce una quota di salvezza per avere la quasi certezza matematica di ottenerla.

Non rinunceremo per questo a portare all'attenzione dei candidati delle liste PD le istanze di questa città, che sarebbero state interpretate da democratici casertani, qualora candidati.

Ma tutte le forze politiche appaiono ancora lontane dalla soglia della maggioranza assoluta dei seggi alla Camera dei Deputati e al Senato, necessaria per vincere.

"L'Aquila? La presenza dei salviniani è fondamentale - è stato il suo commento sulla situazione nel capoluogo d'Abruzzo - Abbiamo quattro consiglieri comunali, due assessori, insomma, si è dimostrato di essere determinanti per la vittoria del centrodestra alle comunali dell'Aquila, quelle che hanno visto vincere il candidato Pierluigi Biondi". Coalizioni: il Centrodestra vale il 37,4%, in guadagno dello 0,1%, staccati il Centrosinistra al 28,0% che flette dello 0,3% e il Movimento 5 Stelle in crescita al 27,3%. In questa trentina di seggi la distanza che c'è fra il candidato favorito e lo sfidante più insidioso è dell'ordine di poche centinaia di voti. In effetti, al centrodestra basterebbe avere in media un paio di punti in più su tutto il territorio nazionale così da regalare a Salvini and company la vittoria finale. Questa informazione deriva dalla lettura delle strisce elettorali corrispondenti ai 238 territori in cui si dividono i seggi uninominali della Camera.

Ben 11 dei 20 capitoli tematici risultano contenere plagi, come evidenzia ilPost.it nel capitolo "Ambiente", due intere pagine sono copiate da un dossier di Legambiente. In ogni caso aveva ragione il saggio Giulio Andreotti, che una generazione fa reggeva il Paese ripetendo continuamente una frase emblematica: "Da noi, in Italia, tutto si aggiusta". Ebbene, i "seggi blindati" al momento sono solo 3, tutti concentrati nel Trentino Alto Adige.

Lo ha detto il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri commentando l'esito del supervertice che ha visto presenti, tra gli altri, oltre al consigliere regionale Mauro Febbo, anche il sindaco di Chieti Umberto Di Primio, di Montesilvano Francesco Maragno, e di tutti gli altri centri della provincia di Pescara e Chieti, tutti chiamati 'alle armi' per le prossime politiche.

Altre Notizie