Gruppo Unipol, sui conti 2017 pesano la banca e il vita

Il piano di ristrutturazione abbassa gli utili del gruppo Unipol

Unipol, 2017 in perdita per 169 mln, dividendo a 0,18 cent

Il piano ha infatti comportato la rilevazione di cospicui *adeguamenti delle coperture dei crediti deteriorati di Unipol Banca, che hanno impattato negativamente per 112 milioni di euro su UnipolSai.

(Teleborsa) - Il Gruppo Unipol chiude l'esercizio 2017 con un utile netto consolidato, escludendo gli effetti one-off relativi al piano di ristrutturazione del comparto bancario, pari a 655 milioni di euro in sensibile crescita rispetto ai 535 milioni dell'esercizio precedente, grazie in particolare al miglior contributo della gestione finanziaria.

Il risultato consolidato ante imposte del comparto assicurativo è pari a 1.015 milioni di euro (+19,4% rispetto agli 850 milioni del 2016). I risultati definitivi saranno esaminati dal cda in occasione della riunione prevista per il 22 marzo prossimo. A tale risultato contribuiscono il *settore Danni *per 501 milioni di euro (365 milioni nel 2016), e il *settore Vita *per 286 milioni di euro (357 milioni nel 2016).

Il piano di ristrutturazione ha determinato un effetto economico negativo per 824 milioni sul risultato netto consolidato del gruppo.

Le risultanze contabili individuali di Unipol Gruppo, ancora preliminari, espongono un utile stimato di esercizio al 31 dicembre 2017 di 213 milioni di euro.

La raccolta diretta assicurativa nel 2017 e' stata pari a 12,3 miliardi di euro, in calo del 17% rispetto ai 14,8 miliardi dell'anno precedente.

Unipol ha infine annunciato che intende proporre la distribuzione di un dividendo per l'esercizio 2017 pari a 0,18 euro per ogni azione ordinaria, con un pay-out del 60 per cento.

Altre Notizie