Marchegiani: "Penso che la crisi dell'Inter sia finita, ma serve personalità. Karamoh…"

Marchegiani:

Marchegiani: "Penso che la crisi dell'Inter sia finita, ma serve personalità. Karamoh…"

Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, analizza il successo della sua squadra contro il Bologna. E' una valutazione giustissima: è a un metro e mezzo - dice in merito all'episodio di D'Ambrosio -. Queste le sue parole nel post partita, riportate dalla Gazzetta dello Sport: "Ribaltare momenti difficili non è facile. Squadra sotto osservazione? Visto che rispetto all'inizio ora si fa molto meno devo essere io il primo a essere messo sotto osservazione, poi c'è il club che è lì e giudica...". Abbiamo fatto un girone di andata incredibile.

"Si erano create false aspettative su di noi, come se le dovessimo vincere tutte facilmente e non è così". E' vero che abbiamo perso alcuni palloni, non siamo stati fluidi, potevamo fare più possesso. Ha fatto veramente bene - ha ammesso Spalletti ai microfoni dei colleghi a San Siro -, ha strappi di velocità e tecnica importantissimi, anche se ogni tanto ha qualche amnesia. Per il ragazzo di origini ivoriane, subito decisivo alla prima da titolae, il giusto premio alla fedeltà che ha dimostrato all'Inter la scorsa estate. Lisandro ha preso una bella botta, anche Ivan ha preso una botta, ha preso questa lasagna che c'aveva dolore forte e va valutato, lì entrano in gioco i medici. Ma non perché lo punisco, ma perché lui non sta dentro i comportamenti definiti dal gruppo. Uno scenario che ai tempi vi raccontammo in esclusiva e che, alla fine, si concretizzò soltanto l'ultimo giorno della sessione estiva.

"I ragazzi stanno facendo quello che chiedo, quindi era normale pretendere qualcosa di diverso". Perišić ha cominciato in quella posizione da mezzala sinistra perché secondo me lo può fare. Bisognerà vedere se riusciamo a mantenere gli equilibri.

Altre Notizie