Medici senza frontiere: "24 casi di abusi in nostre strutture nel 2017"

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Lo scorso anno, rende noto Medici senza frontiere, c'erano oltre 40 mila componenti dello staff che operavano sul campo e ci sono stati 146 rimostanze o segnalazioni relative ad "abusi di potere, discriminazioni, molestie e altre forme di comportamento scorretto [VIDEO]". "Non tollereremo nessun abuso fisico o psicologico contro le persone - si legge in un comunicato messo on line dall'organizzazione non governativa -, la molestia sessuale, i rapporti sessuali con minori o qualsiasi comportamento che non rispetti la dignità umana".

Continuano a cadere le teste per lo scandalo Oxfam, la madre delle organizzazioni umanitarie di cui i media britannici hanno riportato di funzionari che, durante l'emergenza terremoto che nel 2010 ha investito Haiti (300mila morti), avrebbero organizzato incontri con prostitute locali, anche minorenni, e persino "orge stile Caligola". In due casi i responsabili facevano parte dello staff Msf e 19 operatori coinvolti sono stati licenziati.

Se il numero si riduce portando a termine le indagini, Msf ammette però che fra i 24 casi individuati non ci sono quelli che sono stati "gestiti direttamente dalle equipe sul terreno e non segnalati alla sede" operativa di Parigi. "Non è facile rivelare queste cose - ha scritto su Twitter la direttrice della comunicazione, Avril Benoit - ma dobbiamo farlo". Msf ha precisato che "la nostra leadership si è impegnata inequivocabilmente a combattere gli abusi", ma è quantomeno singolare che questi nuovi casi di abusi da parte di membri attivi di una delle più note e capillari Ong a livello mondiale, siano saltati fuori soltanto adesso, ovvero qualche giorno dopo la bufera che ha travolto Oxfam.

Ora anche Medici Senza Frontiere finisce nello scandalo degli abusi sessuali nelle organizzazioni umanitarie. Clamori che coinvolgevano i caschi blu delle Nazioni Unite si sono manifestati ripetutamente a partire degli anni Duemila. Le risorse, che assicurano l'indipendenza della ong, provengono quasi esclusivamente da donazioni di privati.

Altre Notizie