Morte Pamela, i fermati sono tre. Procuratore: "Indagine chiusa"

Morte Pamela, i fermati sono tre. Procuratore:

Morte Pamela, i fermati sono tre. Procuratore: "Indagine chiusa"

Sono diventati tre i nigeriani fermati in relazione alla morte di Pamela Mastropietro, la giovane di origine romana il cui cadavere è stato rinvenuto smembrato e chiuso in due valigie nelle campagne di Pollenza.

Il dettaglio ha messo i carabinieri sulle tracce dei due nigeriani interrogati ieri dagli investigatori. È morta alcune ore dopo. Ma manca qualsiasi prova del coinvolgimento di Innocent Osaghele - il nigeriano arrestato per l'occultamento del cadavere.in questa morte. Oltre a Oshegale, che è già in carcere, il cerchio si starebbe stringendo su gli altri due bloccati ieri, di cui uno proprio mentre cercava di scappare in Svizzera. Forse anche per questo - il dubbio era già emerso nella prima autopsia - da giorni gli inquirenti stanno allargando il più possibile le indagini nella cerchia di persone che frequentavano Innocent, e che avevano accesso alla casa. In tal senso saranno decisivi altri esami di laboratorio oltre a quelli tossicologici.

L'accertamento ha inoltre evidenziato che il sezionamento del cadavere è stato opera di mani esperte e che il responsabile dell'atto ha impiegato molte ore per portare a termine l'operazione. Potrebbe trattarsi di colui che ha sezionato "in modo scientifico" il corpo della ragazza.

Con i due fermi eseguiti oggi "d'iniziativa della Procura della Repubblica di Macerata, nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Pamela Mastropietro, "riteniamo l'indagine chiusa", ha detto all'Ansa il Procuratore Giovanni Giorgio". Il resto sono ipotesi.

Altre Notizie