Addio allo stilista de Givenchy: Audrey Hepburn fu la sua musa

Schermata

Addio allo stilista de Givenchy: Audrey Hepburn fu la sua musa

A segnarne l'ingresso nella storia ci penserà poi il cinema, con le mitologiche immagini di Audrey Hepburn in Givenchy nella sequenza iniziale di Colazione da Tiffany... Tra Givenchy e la Hepburn nasce un sodalizio che diventa uno scambio reciproco: sarà lo stilista con le sue creazioni a esaltare la bellezza "minimal" della Hepburn, contribuendo a creare l'aura iconica attorno al suo personaggio, d'altro canto l'attrice con la sua fama darà grande visibilità al couturier. Dopo pochi anni di apprendistato Hubert, a soli 25 anni, precisamente nel 1952, riesce a fare il grande salto fondando la casa di moda che ancora oggi porta il suo nome, Maison che avrebbe trasformato in breve tempo in un vero e proprio impero.

"Hubert de Givenchy si è spento nel sonno sabato 10 marzo 2018". A chi volesse unirsi al loro dolore, la famiglia ha chiesto di non inviare dei fiori, ma di effettuare invece una donazione all'Uniceff.

Le persone che furono più care allo stilista hanno deciso quindi di rispettarne il carattere riservato, elegante e schivo con il quale Hubert de Givenchy ha sempre approcciato alla sua enorme popolarità, dagli albori della carriera fino agli ultimi momenti della sua vita privata. Lo stilista divenne una leggenda nel campo della moda grazie anche grazie alla quarantennale amicizia con Audrey Hepburn, sua musa ispiratrice, che aveva conosciuto nel 1953 sul set del film 'Sabrina'.

Tra le italiane spiccano i nomi di Marella Agnelli, vedova di Gianni ed esponente di rilevanza nazionale dell'eleganza italiana.

Altre Notizie