Istat: nel 2017 il tasso di disoccupazione è sceso all'11,2%

Occupazione top da 2009 ma sotto picco pre-crisi 2017 a Sud quasi tripla del Nord

IstatOccupazione top da 2009 al Centro Nord sfiora i livelli pre-crisi

Lo ha reso noto l'Istat. "L'aumento dell'occupazione, diffuso per genere e ripartizione, è più intenso per le donne e nel Mezzogiorno", spiega la nota diffusa da Istat, rilevando che la diminuzione del tasso di disoccupazione globale nel mese di gennaio 2018 è da associarsi prevalentemente alla riduzione del tasso di inattività.

Inoltre nel 2017 il numero di inattivi diminuisce per il quarto anno consecutivo ma in misura meno marcata dell'anno precedente (-242 mila, -1,8%). Lo rileva l'Istat. Il 2017, nel complesso, si caratterizza per un nuovo aumento dell'occupazione che coinvolge anche i giovani di 15-34 anni.

Dal lato dell'offerta di lavoro, l'occupazione presenta una lieve crescita congiunturale (+12mila, 0,1%), dovuta all'aumento dei dipendenti a termine (+57mila, +2%) a fronte del calo di quelli a tempo indeterminato (-25mila, -0,2%) e degli indipendenti (-20mila, -0,4%). Per i 35-49enni alla riduzione del numero di occupati si accompagna l'aumento del tasso di occupazione (+0,6 punti). Persiste infine la crescita dell'occupazione e del relativo tasso per gli ultracinquantenni. La riduzione della disoccupazione è più forte per i più giovani in confronto ai 35-49 anni, mentre per gli ultra 50enni il tasso è in aumento.

Non ci sono buone notizie sul fronte dell'occupazione al Sud Italia anche se, nella media del 2017, il tasso di disoccupazione è sceso di 0,5 punti percentuali. Inoltre per il terzo anno cresce il lavoro a tempo pieno, in maniera più forte rispetto al recente passato (+231 mila, +1,3%); si attenua invece la crescita del part time (+34 mila, +0,8%) che per la prima volta non riguarda la componente involontaria: l'incidenza del part time involontario scende al 61,0% (-1,6%) sul totale del tempo parziale e all'11,4% sul totale degli occupati (-0,3 punti).

Aumentano gli occupati a tempo pieno mentre il tempo parziale è in netta diminuzione. L'occupazione, nella media del 2017, è aumentata per il quarto anno consecutivo e il tasso di occupazione è salito al 58%, il livello più alto dal 2009. Le transizioni verso l'occupazione interessano le donne, i giovani, e sprattutto gli individui con elevato livello di istruzione e i residenti nel Mezzogiorno. Il tasso di occupazione cresce di 0,1 punti rispetto al trimestre precedente arrivando al 58,1%.

Altre Notizie