L'ascolano Lorenzo Ripani nominato "Alfiere della Repubblica": commozione al Quirinale

L'ascolano Lorenzo Ripani nominato

L'ascolano Lorenzo Ripani nominato "Alfiere della Repubblica": commozione al Quirinale

Il giovane ascolano è stato insignito dal presidente della Repubblica Sergio Matterella del titolo di "Alfiere della Repubblica" assieme ad altri 29 tra ragazzi e ragazze, che si sono distinti nella partecipazione, nella promozione del bene comune, nella solidarietà, nel volontariato e per singoli atti di coraggio.

Il presidente estendendo il ragionamento ha detto inoltre che bisogna "comprendere che occorre essere protagonisti e costruire il futuro del Paese senza chiudersi nella propria dimensione personale, magari con egoismo".

Quest'anno è stato dedicato ampio spazio a quanti si sono impegnati per la promozione dell'ambiente, inteso sia come salvaguardia del territorio sia come sviluppo del patrimonio culturale e sociale.

Al termine della cerimonia, condotta da Nicola Conversa e Anna Madaro, youtuber e attori del gruppo "Nirkiop" di Taranto, il Presidente Mattarella ha rivolto un saluto ai presenti.

Tra i giovani Alfieri della Repubblica nominati da Mattarella c'è Ciro Marmolo, il bambino di 11 anni che insieme al fratello di 7 è riuscito a sopravvivere per 16 ore sotto le macerie del terremoto di Casamicciola del 21 agosto scorso, riuscendo a guidare i soccorritori verso di loro. Sono storie, queste che riecheggiano oggi al Colle, che non rappresentano "eccezioni, perle rare", ma "il senso di responsabilità, l'altruismo che sono diffusi nei giovani italiani".

Il Capo dello Stato si è detto convinto del fatto che le sorti dell'Italia, sono di interesse comune e per questo, non si possono agevolare egoismi ma senso di corresponsabilità. "Una ricchezza per il nostro paese". Di fronte a tale quadro Mattarella non ha dubbi: "Ho grande fiducia nel futuro dell'Italia".

Altre Notizie