Morto Salvatore Ligresti: creò un impero edilizio a Milano

È morto a Milano l'imprenditore Salvatore Ligresti

Salvatore Ligresti è morto, il fondatore del gruppo Fonsai aveva 86 anni

Milano - È morto a 86 anni Salvatore Ligresti, imprenditore e uomo d'affari.

Nel 2005 il nuovo gruppo Fondiaria-Sai - la cui sede legale sarebbe poi stata trasferita da Firenze a Torino nel 2009 - firmò una convenzione col Comune di Firenze per la costruzione nell'area di Castello, di cui Fonsai era proprietaria, di circa 1.500 abitazioni, un parco di 80 ettari, uffici pubblici, alberghi, scuole, impianti sportivi, e la nuova Scuola Marescialli dei Carabinieri. Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi mesi. Da anni, finito al centro di numerosi scandali giudiziari, non aveva più alcun ruolo operativo.

Lascia tre figli: Giulia Maria, Gioacchino Paolo e Jonella. A lungo a capo di Fonsai, Ligresti era malato da tempo ed era ricoverato presso l'ospedale San Raffaele.

Coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, nel 1992 venne arrestato per le bustarelle pagate per accaparrarsi la metropolitana milanese e le Ferrovie Nord.

Nel 2012 viene aperta un'indagine su Ligresti per il reato di aggiotaggio in relazione a due trust esteri titolari del 20% di Premafin, riconducibili a lui; un secondo filone d'inchiesta riguarda la bancarotta delle holding immobiliari di famiglia.

Altre Notizie