Piazza Affari e Spread stabili. Apertura di riflessione per l'Italia

Governo M5s Lega spread Sicilia Economia

Governo: Tensione sui mercati, spread in netto rialzo

La marcia indietro del Carroccio e dei pentastellati sull'uscita dall'euro e sulla richiesta alla Bce di cancellare 250 miliardi di euro di debito pubblico, avrà rassicurato definitivamente i mercati? E il Ftse Mib affonda.

In mattinata si è registrata la chiusura in moderato rialzo per la Borsa di Tokyo, con l'indice Nikkei 225 salito dello 0,53% a 22.838,37 punti, mentre l'indice Topix ha guadagnato lo 0,45% a 1.808,37 punti. I ribassi peggiori sono sui titoli di Mediaset, Banco Bpm, Poste Italiane, Unicredit e Telecom, che perdono tra i 4 e i 5 punti percentuali. E auspica che non vengano lanciati, da M5S e Lega, messaggi che possano essere percepiti come un aumento del rischio istituzionale e che, soprattutto, non abbiano fondamento economico e finanziario [VIDEO]. E sulla tenuta del debito italiano, gli investitori cominciano a dare segnali di nervosismo. Le proposte contenute nella prima bozza di accordo tra Lega e Movimento 5 Stelle erano "assolutamente irrealizzabili" e "i protagonisti si sono affrettati ad aggiustare il tiro, pressati almeno in parte, presumibilmente, dalla vista della reazione del mercato". Nel Vecchio Continente, così come dall'altra parte dell'Atlantico, le preoccupazioni per il contenuto della bozza di contratto restano forti. Il crollo del paniere di Milano non tocca il resto delle piazze europee, per lo più positive, anche sulla scia dell'indebolimento dell'Euro, in calo a 1,17 dollari (-0,6%). Parigi è in frazionale rialzo, mentre arretrano leggermente Londra e Francoforte.

Ieri Wall Street è stata spinta del settore del retail (Macy's +10,8%) e il Dow Jones ha segnato il +0,25%, l'S&P 500 il +0,41% e il Nasdaq il +0,63%. Gpl a 0,635 euro/litro (+1, pompe bianche 0,621), metano a 0,961 euro/kg (-1, pompe bianche 0,952).

Altre Notizie