Pensioni: dal 2019 nuovi tagli. Importi in calo fino al 2%

Pensioni ultime notizie importi più bassi con i prossimi coefficienti

9 giugno 2018

Parallelamente, con la riforma del mercato del lavoro del 2012 (legge n. 92/2012) varata dallo stesso Ministro Fornero, il mercato del lavoro ha registrato una progressiva contrazione degli ammortizzatori sociali post cessazione del rapporto, con l'abrogazione graduale dell'indennità di mobilità, il cui raggio d'azione era stato ridotto da 48 mesi a un massimo di 18 per effetto dell'accesso unificato per i disoccupati all'Aspi. Sono ancora al lavoro (con buona retribuzione) ma prevedo di andare in pensione entro il 2018. Magari gonfiata da anni di contributi figurativi.

Centrella sottolinea che se Quota 100 dovesse prevedere un ricalcolo contributivo dell'assegno i pensionati, quest'ultimi potrebbero ricevere un assegno decurtato del 20%.

Ma chi è vicino a maturare i 42 anni e 10 mesi di contributi, e quindi pensionarsi in via ordinaria con la pensione anticipata, potrebbe essere penalizzato dall'introduzione della quota 100? La risposta sarà deludente ma al momento è meglio attendere che la proposta si concretizzi almeno in una bozza condivisa dalla maggioranza politica prima di fare qualsiasi tipo di ragionamento sulla convenienza o meno dello scivolo pensionistico. Si ipotizza "una continuità lavorativa sino alla pensione, una crescita annua dell'1,5% per la retribuzione e dello 0,5% per il Pil (Prodotto interno lordo) - spiega sul quotidiano Andrea Carbone, partner di Progetica -". In questo quadro vi è anche il tema dei 41 anni di anzianità, senza però restrizioni e legami con la speranza di vita. In particolare, bisognerà "affermare con maggiore chiarezza quali saranno i paletti per raggiungere la 'quota100' come totale di età e contributi necessari per andare a riposo, perché un conto è sommare, ad esempio, 60 anni di età e 40 di contribuzioni, altro è fissare un'età minima di 64 con 36 di contributi". La pensione si ridurrà da 1.308 per gli uomini e 1.255 per le donne a 1.147 euro per entrambi i sessi. Nella migliore delle ipotesi i conti sono semplici perché, come riportato da Pensioni Oggi, il vantaggio sarà evidente per tutti.

Nel caso di sessantenni: si potrà anticipare di un anno e undici mesi per l'uomo (da 63 e 3 a 61 e 4), e di nove mesi per la donna (da 62 anni e un mese a 61 e 4). Questi dati sono suggeriti dal quotidiano economico 'Italia Oggi'. Il capitolo pensioni rappresenta un passaggio importante del Governo Conte, poiché, considerata la campagna elettorale, Salvini e Di Maio si giocano molto della loro credibilità su quello che, da sempre, è stato un punto in cui c'è stata convergenza di idee: le pensioni. "Tra i casi simulati - ad avviso del dottor Carbone di Progetica - l'unica eccezione riguarda i lavoratori che hanno iniziato a contribuire dal 1996 in poi".

Andando in pensione nel triennio 2019-2021, man mano che l'età di pensionamento avanza aumenta anche la percentuale dei coefficienti di trasformazione: a 57 anni essa sarà pari al 4,2% mentre a 67 sarà di 5, 604%. Sempre secondo i dati elaborati da Tabula, società fondata da Stefano Patriarca, ex consigliere di Palazzo Chigi nel governo Gentiloni, servono 5 giovani di oggi per pagare un solo anno di anticipo del nuovo sistema "quota 100" gialloverde.

Altre Notizie