Ilva: Di Maio, gara è stato un pasticcio

Sull'Ilva l'Anac rilancia la palla a Di Maio

Ilva. Per l'Anac ci sono delle criticità sull'aggiudicazione, ma l' annullamento della gara è competenza del Governo

La stessa che, purtroppo, non è stata utilizzata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha segnalato con un anno di ritardo eventuali criticità, nonché dal vicepremier Di Maio che, vi è di più, ha atteso il primo mese dei tre non più prorogabili concessi per la conclusione della gara per chiudere la vertenza, non ha ancora convocato una sola volta il tavolo della trattativa.

La sensazione è quindi che lo Stato italiano, attraverso il Governo, debba fare i conti con Arcelor Mittal fino in fondo, anche perché nessuno ha ricorso dopo l'aggiudicazione di quel bando. "Avvierò un'indagine all'interno del ministero". Condizione che, come fa notare il ministro Calenda su Twitter non è indice di irregolarità. "Si è arrivati al 2023, sette anni in più" e questo avrebbe significato "che avrebbero potuto partecipare molte più imprese" e "avremmo potuto avere molte più offerte e miglio, compresa quella di ArcelorMittal", dice Di Maio. Il check riguarda il rinvio del piano ambientale, le scadenze intermedie di attuazione, i mancati rilanci finali. Ma la polemica politica si scatena ugualmente e interviene anche Arcelor Mittal per confermare che sta lavorando al miglioramento dell'offerta e per confermare la propria correttezza ma anche la solidità della propria proposta "che non teme confronti".

Chi ha fatto questa procedura di gara "politicamente ne dovrà rispondere", ha minacciato Di Maio. A differenza tua non ho bisogno di inventarmi manine. Il ministero guidato da Luigi Di Maio ha chiesto all' ANAC di verificare se fosse stato leso il principio della concorrenza e l'Autorità ha risposto che l' arco temporale ben più ampio per la realizzazione del piano, ha senza dubbio variato in modo rilevante il quadro economico e fattuale. Per il viceprimier è "inspiegabile il comportamento tenuto dal ministero" dello sviluppo. Criticità, quelle messe a fuoco dall'Anac, che "sono macigni", ha detto.

Per quanto riguarda l'indagine, "dedico questa procedura di accertamento (della correttezza della gara) ai cittadini del quartiere Tamburi", afferma ancora. Con un'avvertenza: "Per questo governo, prima di tutto viene la tutela della legalità". Una linea, questa, che però si scontra con le carte dell'Anac che confermano le criticità segnalate dal vicepremier.

LEGGI ANCHE Il caso Ilva scuote il governo.

Le immagini che testimoniano l'assenza dei deputati dei due partiti attualmente al governo è stato il dem Filippo Sensi.

"Nelle prossime ore - ha annunciato il ministro - per mezzo dei commissari arriverà una nuova proposta da parte di ArcelorMittal".

Le osservazioni dell' ANAC coincidono con quanto sostenuto unicamente dal CORRIERE DEL GIORNO che aveva immediatamente spiegato ai propri lettori che qualsiasi decisione non spettava all' Autorità guidata da Raffaele Cantone, ma al Ministero dello Sviluppo Economico.

Altre Notizie