Ue, multa record a Google per Android: 4,3 miliardi di euro

REUTERS

REUTERS

La stangata era nell'aria e puntualmente è arrivata.

La multa dell'Unione Europa per la posizione dominante di Google nel mondo degli smartphone arriverà oggi e sarà salatissima: 4.3 miliardi di euro al cambio, una delle più alte mai commissionate dall'UE. L'azienda se la cavò allora con soli 2 miliardi e mezzo di dollari.

Salvo sorprese dovrebbe arrivare domani la nuova maxi-multa della Ue contro Google per abuso di posizione dominante, stavolta per il suo sistema operativo Android.

Ora però, dopo anni di battaglia antitrust, Bruxelles ha deciso di punire Google per la sua strategia mirata a - si legge - "rafforzare il suo dominio nel campo delle ricerche internet".

Nel dettaglio si parla di 3 specifiche violazioni: la prima riguarda l'obbligo per i produttori di smartphone e tablet a pre-installare le app Play Store, Google Search e Google Chrome. E siccome il mercato mobile è in forte crescita, la capacità del sistema Android di incanalare gli utenti verso Google diviene sempre più importante. Google avrebbe inoltre impedito l'utilizzo di versioni Android derivate dall'originale (attraverso la firma di un accordo chiamato patto anti-frammentazione) e avrebbe distribuito incentivi economici ai produttori per rimanere fedeli ai servizi di ricerca di Google. Per Google resta ancora in piedi l'indagine sulle sue pratiche pubblicitarie, e l'accusa di aver artificialmente ristretto la possibilità per i siti terzi di mostrare le pubblicità dei motori di ricerca concorrenti.

Altre Notizie