Turchia, Erdogan chiede a cittadini di comprare lire in "sforzo nazionale"

La Turchia spaventa i mercati. Il Ft Bce preoccupata per le banche di Spagna Francia e Italia

La Turchia spaventa l'Europa: crolla la Lira, rischio contagio per banche e spread

"La Turchia si è precipitata in aiuto degli Stati Uniti ogni volta che fosse necessario", ha affermato, elencando il sangue versato insieme in Corea, la crisi dei missili di Cuba, le truppe inviate in Afghanistan dopo gli attacchi dell'11 settembre.

"Se avete dollari, euro o oro sotto il vostro cuscino, andate in banca per cambiarli con delle lire turche".

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che Ankara resisterà alle minacce degli Stati Uniti legate al caso Brunson.

Eppure, la tempesta che ha investito ieri i mercati globali non presenta grandi particolarità rispetto a quanto visto nelle caldissime estati (finanziarie) degli ultimi anni, quando gli scambi rarefatti del periodo estivo hanno amplificato situazioni già in tensione (in precedenza era toccato anche allo yuan cinese). A Francoforte, come scrive il Financial Times, sono infatti preoccupati per i possibile effetti della crisi monetaria turca nei confronti di diverse banche europee, compresa la spagnola Bbva e la francese Bnp Paribas. "Se loro hanno i dollari, noi abbiamo la nostra gente, il nostro diritto, il nostro Allah e continuiamo a camminare con passo fermo verso il futuro", ha aggiunto il presidente, citato dal quotidiano Hurriyet. Il crollo della lira turca, che ha perso un terzo del suo valore da inizio anno, sembra senza fine, mentre a causa dell'inflazione galoppante vola il rendimento dei titoli di Stato ben oltre il 20%.Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, chiama il suo popolo alla mobilitazione: prima ha lanciato un appello ai suoi connazionali esortandoli a "ignorare le campagne contro la Turchia". Subito dopo le dichiarazioni del presidente della Turchia, che ha esortato i suoi concittadini a cambiare le loro valute straniere nella moneta nazionale, la situazione è peggiorata ancora. La moneta ha registrato un calo di quasi il 10% nel corso della giornata. L'agitazione dei mercati europei è in buona parte dovuta ai dubbi sulle capacità di leadership di Erdogan in questo momento.

L'accentramento di potere su Erdogan è però principalmente un motivo di sfiducia per gli investitori: perché Albayrak non ha particolari esperienze economiche e non è conosciuto a livello internazionale, e perché si sospetta che Erdogan sia ormai incapace di ammettere di aver sbagliato, e abbia finito con il credere alle bizzarre teorie del complotto internazionale che il suo stesso entourage ha fabbricato, senza curarsi delle conseguenze per il paese.

Altre Notizie