Le ultime di Tria su pace fiscale e reddito di cittadinanza

Luigi Di Maio Giuseppe Conte e Giovanni Tria

Luigi Di Maio Giuseppe Conte e Giovanni Tria

E dal momento che per l'erogazione del reddito di cittadinanza si tiene conto del reddito familiare, dell'età e del numero dei componenti c'è una discreta possibilità che anche i residenti di origine straniera possano accedere al beneficio. Un esempio su tutti, il reddito di cittadinanza che - sottolinea Salvini - dovrà riguardare "solo gli italiani".

Lo ha detto il ministro dell'Economia Giovanni Tria durante il question time al Senato, aprendo di fatto alla concessione del sussidio anche agli stranieri. E ha sposato la linea del vicepremier Luigi Di Maio: "Parlare di pace fiscale non significa varare un nuovo condono", ma vuol dire "fisco amico e incremento della tax compliance, con iniziative di aiuto ai cittadini in difficoltà". Parliamo di "una proposta di legge che non prevedeva ancora la platea" per l'assegnazione del reddito "ma è chiaro che è impossibile, con i flussi immigratori irregolari, non restringere la platea e assegnare il reddito di cittadinanza ai cittadini italiani".

La versione di un reddito di cittadinanza aperto anche ai non italiani è stata però seccamente smentita dallo stesso Movimento 5 stelle:logico che la devi restringere ai cittadini italiani". "Invece anche la riunione di stamattina è un altro tassello del lavoro che si sta facendo sulla Legge di Bilancio".

All'articolo 2 della proposta di legge pentastellata leggiamo infatti che il "reddito di cittadinanza" è "l'insieme delle misure volte al sostegno del reddito per tutti i soggetti residenti nel territorio nazionale che hanno un reddito inferiore alla soglia di rischio di povertà". "La prima formula era molto vaga e apriva a questa possibilità, ma l'abbiamo corretta nel 2016".

Rispondendo a un'interrogazione di Forza Italia in cui si ricordava che il governo si è impegnato a impedire l'aumento delle aliquote Iva previsto dalle clausole di salvaguardia, il ministro dell'Economia ha precisato: "Nell'attività istruttoria fin qui svolta, in stretto raccordo con la presidenza del Consiglio dei ministri e con i colleghi di governo, si sta operando nel pieno rispetto delle risoluzioni sul Documento di economia e finanza approvate da Senato e Camera nello scorso mese di giugno".

I dati 2017 dell'Istat base dell'aggiornamento delle stime del Governo In mattinata l'Istat ha diffuso i dati dei conti del 2017, che saranno la base per l'aggiornamento delle stime del governo.

Altre Notizie