Cioccolato fonte di vitamina D2, soprattutto fondente

Responsabile scientifico dell'evento. Il dott. Giancarlo Rando

Responsabile scientifico dell'evento. Il dott. Giancarlo Rando

Gabriel Stangl, una delle autrici di questo studio pubblicato su Food Chemistry, ha spiegato che non si tratta di un risultato sorprendente in quanto il contenuto di cacao nella cioccolata bianca è significativamente inferiore, pertanto i risultati della ricerca hanno confermato che il cacao è effettivamente una fonte di vitamina D2.

Parlare di vitamina D, probabilmente, non è corretto. La sua sintesi viene di solito favorita attraverso l'esposizione alla luce del sole.

"Abbiamo dimostrato che le fave di cacao provenienti da diversi luoghi contengono vitamina D2". In minor misura si può avere a disposizione della vitamina D attraverso il consumo di cibo: pesce grasso, uova e funghi sono gli alimenti ideali. Ve ne è un buon quantitativo nel cioccolato fondente, mentre scarseggia in quello bianco. Una ricerca ha infatti dimostrato che il cacao è una fonte 'gustosa' (e finora non nota) di vitamina D, un elemento essenziale contro le ossa fragili, lo sviluppo do malattie respiratorie ma, come spiega Airc, soprattutto aiuta a ridurre il rischio di tumori. I precursori della vitamina D, presumibilmente vengono fuori da particolari tipi di funghi che si sviluppano nell'alimento e che poi grazie al sole producono vitamina D2. Lo hanno scoperto gli scienziati del Max Rubner-Institut e dell'Università Martin Luther Halle-Wittenberg.

Il gruppo di ricerca sta anche utilizzando le sue recenti scoperte in un nuovo progetto di follow-up: "Il cacao è un ingrediente eccitante per i cibi crudi perché contiene ulteriori sostanze vegetali secondarie che, ad esempio, favoriscono il benessere del sistema cardiovascolare", conclude Stangl. I ricercatori sospettavano che contenessero una fonte di vitamina D precedentemente sconosciuta. Il suggerimento è comunque non consumare grandi quantità di cioccolato: "Se ne dovrebbero mangiare enormi quantità per coprire i fabbisogni di vitamina D - aggiunge Stangl - questo non sarebbe affatto sano, per l'alto contenuto di zuccheri e grassi".

La vitamina D è molto importante per l'organismo umano.

Vitamina D, a cosa serve. Come fare allora per integrare la vitamina D?

Lo studio, pubblicato sulla rivista Food Chemistry, ha scoperto che il cacao e gli alimenti contenenti cacao hanno quantità significative di vitamina D2.

Una carenza di vitamina D è associata a un aumento di peso corporeo e maggiori livelli di grasso addominale.

Altre Notizie