Salvini: Juncker? Parlo con persone sobrie

Salvini vs Junker

Matteo Salvini: "Juncker? Parlo solo con persone sobrie"

"Ma con questo governo l'Italia ha finito di essere al servizio dei poteri forti". Lo scontro dialettico più duro è sicuramente quello tra il nostro ministro dell'Interno e il presidente della Commissione Ue Jean Claude juncker. La prima scintilla si è accesa ieri, 1 ottobre, in occasione dell'Eurogruppo terminato con il rientro anticipato del Ministro dell'Economia, Giovanni Tria (che, dunque, non parteciperà all'Ecofin di oggi). Nel mirino dell'Ue adesso c'è la manovra del governo Lega-M5s. Intanto stamattina lo spread tra Btp e Bund tedeschi, dopo aver aperto in forte rialzo sopra 295 punti, vola sopra i 300 punti, al top dal 2014.

L'Italia certo difende la sua manovra.

Prosegue la battaglia mediatica a distanza tra Matteo Salvini e i vertici dell'Unione Europea. Vogliamo lavorare per rispondere ai bisogni dei nostri cittadini.

"Il Governo ha approvato il Def, documento che indica le linee di finanza pubblica per il prossimo anno".

"Aspettiamo la bozza di legge di stabilità" ma "a una prima vista" i piani di bilancio italiani "non sembrano compatibili con le regole del Patto", aveva detto stamattina il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis entrando all'Eurogruppo. "Il giorno dopo, infatti, è crollata la borsa, è schizzato lo spread". Tanto da spingere il vicepremier Luigi Di Maio ad accusare "qualche istituzione europea" di giocare "a fare terrorismo sui mercati". Le dichiarazioni del commissario europeo Moscovici "contro l'Italia e contro il Def" sono state fatte "per creare tensioni sui mercati", ha detto Di Maio. Chiamato dai suoi colleghi, Francia e Olanda in testa, a spiegare i dettagli di una manovra ancora non nata ma già molto discussa, Tria ha difeso il contestato 2,4%. "Andate a vedere le foto su Google". "Senz'altro siamo preoccupati per lo spread, ma il tema è un altro".

D'altra parte "tutte le strategie dei governi precedenti non hanno dato risultati quindi dobbiamo un po' cambiare", ha spiegato.

Sempre a Mattina Cinque, Salvini ha detto: "Io penso che in Europa ci sia qualcuno che punta a mettere in ginocchio l'Italia per comprarsi sottocosto aziende, banche, imprese alimentari, moda".

Altre Notizie