Cosa sappiamo della sparatoria nel bar di Los Angeles

Spari in un bar a Los Angeles ci sono morti

Immagine di repertorio

La polizia ha detto al Los Angeles Times che sono stati sparati almeno 30 colpi: al momento non è ancora chiara la gravità delle condizioni dei feriti.

Il 9 novembre 2018 si è registrata una sparatoria a Los Angeles e secondo i media locali ci sarebbero almeno 6 vittime, come confermato anche dallo sceriffo locale.

Un uomo armato di mitragliatrice e granate fumogene ha aperto il fuoco al bar Bordeline di Thousand Oaks, ad una sessantina di chilometri a Los Angeles.

L'allarme è scattato attorno alle 23,20 ora locale (8,20 ora italiana) all'interno del Borderline Bar, a Thousand Oak, nella contea di Ventura. Molte persone sono riuscite a fuggire, mentre altre si sono messe al sicuro sul tetto o nei bagni. La vicenda è ancora in evoluzione e non si ha notizia della sorte dello sparatore. Tra questi ci sono anche l'assalitore e un sergente della conte di Ventura. Le prime chiamate sono arrivate alla polizia alle 23.15. Secondo il sito web del club, nella discoteca ci sarebbe stata una festa con più di 200 universitari. I clienti, terrorizzati, si sono rifugiati sotto i tavoli del locale, quando l'uomo ha cominciato a sparare.

Il sito Abc7 riporta la testimonianza di un ragazzo, John Hedge, che si trovava all'interno del locale: "Un uomo con barba, cappello, giacca nera e occhiali è entrato nella stanza e ha sparato un primo colpo verso la guardia di sicurezza all'ingresso. Potevo ancora sentire gli spari dopo che tutti se ne sono andati".

Altre Notizie