Eroina da Iran a porto di Genova, arresti in Olanda

Il porto di Genova. Credit Angela Santucci

Il porto di Genova. Credit Angela Santucci +CLICCA PER INGRANDIRE

Il 17 ottobre scorso, nell'ambito di una articolata operazione di polizia avviata sulla scorta di informazioni analizzate e trasmesse dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga e dal Servizio Centrale Operativo, a Genova personale della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Genova e dello Sco (Servizio centrale operativo) di Roma, ha sequestrato nel porto di Genova, all'interno di un container sbarcato dalla nave cargo Artabaz, 270 chilogrammi circa di eroina.

Nell'inchiesta sono state coinvolte le Forze dell'ordine e le autorità giudiziarie di Svizzera, Francia, Belgio ed Olanda, dove l'operazione si è conclusa con l'arresto di due persone.

"Genova. "E' il più grande sequestro di eroina degli ultimi 30 anni e il primo avvenuto con la tecnica della ritardata consegna e con consegna controllata" avvilendosi di un istituto previsto da legge 2006 che lo consente per identificare e smantellare la rete criminale".

"L'Iran si conferma un crocevia fondamentale per il traffico di eroina".

La polizia ha scoperto i centinaia di chili di eroina sequestrati e nascosti all'interno di container nel porto di Genova al termine di una lunga indagine.

Il materiale è stato quindi caricato su un tir che è stato pedinato discretamente dalla Polizia di Stato transitando per le frontiere di Svizzera, Francia, Belgio ed Olanda, attraverso il coordinamento del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia e di Eurojust. "Dal punto di vista tecnico e procedurale solo pochi anni fa un'operazione di questo tipo sarebbe stata impensabile - spiega il direttore dello Sco Alessandro Giuliano - ci saremmo dovuti limitare al maxisequestro senza gli sviluppi investigativi che invece stiamo portando avanti".

"L'indagine è ancora in corso per individuare tutti gli appartenenti all'organizzazione che ha messo in piedi il maxi carico di eroina". "Per la prima volta - ha continuato Cozzi - è stato usato uno strumento investigativo europeo entrato in vigore a luglio".

Altre Notizie