F1, GP Brasile 2018: Vettel protesta contro i commissari Fia in qualifica

Pole e record della pista per Hamilton! Vettel secondo davanti a Bottas e Kimi

Vettel sotto investigazione, il tedesco non avrebbe spento il motore durante le operazioni di peso

Al riguardo c'è molto da premettere: all'inizio delle Q2 tutti sono entrati con le Pirelli supersoft slick per sfruttare la pista ancora asciutta con la pioggia che iniziava a farsi vedere. Tanti altri piloti sono stati penalizzati per molto meno in stagione, come Vettel in Austria, ma la Federazione sembra non voler fare nulla.

Il tedesco della Ferrari, infatti, è finito sotto investigazione e ora rischia una penalità per non aver spento il motore durante le operazioni di peso della vettura; forse tradito dall'adrenalina per il momento delicato - la Ferrari stava rientrando per cambiare gomme provando una stratega azzardata - il pilota del Cavallino si è reso protagonista di gesti poco equivocabili nei confronti degli addetti alle operazioni e ripartendo ha fatto sballare il sistema distruggendo la rampa usata. La situazione della Haas in vista della gara è positiva, nella lotta tra i costruttori con la Renault: il francese ha fatto un bel risultato, mentre come detto il compagno danese partirà in quinta fila ma con il vantaggio della libertà strategica sulle gomme. Il miglior tempo lo fissa Max Verstappen in 1:08.205, staccando le due Ferrari di 247 millesimi quindi Lewis Hamilton a 259 e Kevin Magnussen a 269, mentre Valtteri Bottas è a 287 davanti a Daniel Ricciardo a 339. Raikkonen chiude invece quinto alle spalle di Verstappen. Nei primi dieci anche Ericsson, Leclerc, Grosjean e Gasly.

Domani sarà guerra. La rossa è avvantaggiata dalle gomme gialle in griglia, ma davanti a tutti c'è Hamilton che è in pole. Tutti e 6 i motori Ferrari in pista sono tra i primi 10!

- Sotto un cielo minaccioso di pioggia comincia il Q1. Oltre ad Alonso rimangono fuori Vandoorne, Stroll, Hartley e Sainz, beffato di soli 5 millesimi da Ocon.

- L'acqua arriva ma è debole. Finiscono il loro sabato in Q2, Magnussen, Perez, Ocon (che perderà 5 posti sullo schieramento per la sostituzione del cambio), Hulkenberg e Sirotkin. Fenomenale Leclerc che si qualifica all'ultimo tentativo nonostante la pioggia. Nonostante l'azzardo si qualificano senza problemi, ma il miglior crono lo fissa Valtteri Bottas in 1:07.727, con 49 millesimi su Vettel e 69 su Hamilton. Al contrario, chi è finito dai commissari è Sebastian Vettel, per non aver rispettato alla lettera le procedure di pesa, sempre in occasione delle Q2. Hamilton, poi, è stato l'unico insieme con Ericsson a migliorare il proprio tempo nella Q3, rendendo vana la rincorsa di Vettel. In Q3 il pilota inglese è stato irreprensibile: aveva già guadagnato la pole position nel primo run segnando 1'07 " 310, poi ritoccato a 1'07 " 281 nel secondo giro sotto la bandiera a scacchi.

Altre Notizie