Calca nell'evacuazione dalla discoteca, 6 morti e decine di feriti

Corpi a terra numerosi feriti e tantissima paura per un evento le cui cause sono ancora da accertare

Corpi a terra numerosi feriti e tantissima paura per un evento le cui cause sono ancora da accertare

09,00 - Uno dei momenti più drammatici di stanotte a Corinaldo; la folla preme per uscire e sotto il peso della calca crolla il ballatoio alla Lanterna Azzurra dove sono morte 6 persone tra tanti feriti. I carabinieri indagano sulle cause. Poco dopo la conferma ufficiale: all'interno della discoteca 'Lanterna Azzurra Clubbing' per il concerto del trapper Sfera Ebbasta, c'erano più spettatori di quanto consentito. Hanno probabilmente ceduto due parapetti, per la forza d'urto della calca dei ragazzi che uscivano.

Secondo un bilancio ancora provvisorio, i feriti sono un centinaio, di cui 35 ricoverati negli ospedali di Senigallia e Torrette di Ancona. Dieci di questi versano in gravi condizioni. I reati al vaglio sono, nel caso della persona che ha usato lo spray - sembra una ragazza - quelle di morte come conseguenza di altro reato o l'omicidio preterintenzionale. "C'erano ragazzi che nella calca sono caduti, travolti da altri che correvano".

Una volta fuori, Marco e Roberto, insieme a tutti gli altri presenti, non si sono resi subito conto della gravità della situazione, ignari del fatto che a pochi metri da loro si stava consumando un vero e proprio dramma. E chiosa: "La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero".

A far scoppiare il panico all'interno del locale sarebbe stato l'uso di un gas urticante, qualcuno parla di spray al peperoncino spruzzato da uno dei partecipanti alla serata.

"L'ingorgo mortale - prosegue l'uomo nel suo racconto a I Lunatici - si è creato all'interno della scalinata che c'è all'ingresso del locale".

Tragedia nella notte ad Ancona. A dirlo è il comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza: "Dai primi accertamenti abbiamo verificato che sono stati venduti dalla discoteca più biglietti di quanti il locale potesse contenere".

"Sono tutti in pericolo di vita - ha spiegato il medico - e in prognosi riservata". "Abbiamo visto dei corpi stesi per terra, coperti da teli bianchi e un uomo che si aggirava, come un sonnambulo". "Ma risulta anche che era aperta una sola sala sulle tre della discoteca, con una capienza di 469 persone". Si tratta di due ragazze cinque ragazzi, con traumi cranici e toracici.

Le indagini sono già arrivate ad alcune conclusioni. Il vicepremier Di Maio ha scelto di divulgare i nomi delle vittime tramite il suo account Facebook personale: sono Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Matttia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia e la mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia.

Altre Notizie