Follia Roma, il Cagliari rimonta in nove

Serie A

Suicidio Roma

Il Cagliari non si è poi depresso più di tanto e ha provato subito a rimontare con Cerri e Farias, ma senza la fortuna che ha avuto la Roma. Mazzoleni aveva espulso Ceppitelli e Srna al 93' e sembrava finita.

Nonostante le assenze pesanti, il suo Cagliari gioca una partita d'orgoglio e non esce mai dal match. Finale da infarto col Cagliari sotto di due gol a sei minuti dalla fine. Fuori casa: sconfitte a Bologna e Udine e ieri, ancora peggio di una sconfitta, pareggio a Cagliari subito in 11 contro 9, dopo il vantaggio per 2-0 nel primo tempo. Poco dopo Cristante ci riprova. Al 35' Faragò costringe Manolas a una deviazione provvidenziale. I giallorossi erano partiti bene con il gran gol di Cristante e quello di Kolarov su punizione, sfiorando peraltro più di un paio di volte il definitivo 3-0 che avrebbe chiuso la partita. Per il terzino serbo è il quarto gol in serie A, un record personale. E poi è quasi solo Roma: si capisce dal tiro di Zaniolo al 3'. C'è stato anche un episodio contestato per un mani di Kolarov (braccio attaccato al corpo) in area, ma all'esame diretto della Var a bordo campo, l'arbitro Mazzoleni non ha ravvisato gli estremi del rigore, facendo però arrabbiare parecchio la Sardegna Arena.

62' - La sfida nella sfida, quella tra Zaniolo e Cragno: il centrocampista giallorosso la mette all'angolino destro ma il portiere rossoblù con la punta delle dita la manda in calcio d'angolo. Cambi che hanno dato forza al Cagliari, che ha iniziato a spingere come un matto dalla parte di Srna, trovando il pari prima con un colpo di testa di Ionita e poi con il piatto finale di Sau.

ROMA, FINALE DA INCUBO - Al 93' episodio chiave: Olsen è provvidenziale su Faragò in uscita e subisce anche fallo.

IONITA RIAPRE, SAU PAREGGIA IN 9 CONTRO 11 - I giallorossi sembrano in totale controllo, ma a cinque minuti dalla fine gli isolani riaprono tutto con Ionita, che mette dentro a porta libera sugli sviluppi di un corner battuto dalla destra. Nel recupero, però, la Roma sull'azione seguente ai rossi si perde e Sau va in contropiede siglando il 2-2 che fa scoppiare la Sardegna Arena al 95'. Un minuto più tardi, complice un'entrata fuori tempo di Manolas, la difesa della Roma fa acqua e permette a Sau di addentrarsi nell'area di rigore romanista, firmando così il gol del pareggio.

Altre Notizie