Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta, sei morti schiacciati dalla calca

Keystone

Keystone

6 persone, 5 minorenni ed una mamma, sono morti alla "Lanterna Azzurra", discoteca del paese dove si sarebbe dovuto tenere il concerto.

Durante l'evento qualcuno ha spruzzato dello "spray urticante", scatenando il panico. Le vittime sono cinque giovanissimi (due ragazzi e tra ragazze) e la madre di una ragazzina che era lì insieme al marito per accompagnare la figlia. È quanto si fonti investigative.

Keystone
Keystone

A pochi giorni dalla pubblicazione della riedizione del fortunatissimo album 'Rockstar' - che sarà disponibile nei negozi di dischi ed in tutte le principali piattaforme di streaming a partire dal 7 dicembre 2018 - Sfera Ebbasta ha concesso la sua prima intervista a Deejay Chiama Italia, il popolarissimo programma radiofonico condotto da Linus e Nicola Savino. Dinamica che ricorda il dramma del 3 giugno 2017 a Torino, in piazza San Carlo, per la finale di Champions League. Stando ai Vigili del Fuoco, al concerto erano presenti circa mille persone per ballare e festeggiare a ritmo rap l'Immacolata. Sono almeno un centinaio i feriti. Su entrambi i sanitari hanno riscontrato lesioni e traumi da schiacciamento. Il panico si e' diffuso tra mezzanotte e l'una, prima dell'inizio del concerto. Alcuni dei feriti ricoverati all'ospedale di Torrette hanno raccontato di avere sentito un odore acre e di essersi precipitati verso una delle porte di emergenza, trovandola sbarrata. Ma il ministro dell'interno Matteo Salvini ha poi smentito questa ipotesi. Alcuni buttafuori gli avrebbero detto di tornare verso l'interno del locale, ma a quel punto la calca si sarebbe deviata di lato verso un muretto, da cui sarebbero cadute decine di persone: quelli finiti sotto agli altri sono morti schiacciati. Alcuni ragazzi sono usciti di corsa e gli altri hanno iniziato a spingersi e si sono accalcati su quel ponticello, che per l'urto ha ceduto. Si contano 120 feriti, 12 in condizioni critiche, portati con le adunanze agli ospedali di Senigallia, Ancona, Arcevia e Jesi. A raccontare quei momenti drammatici anche un papà in diretta radiofonica: "Ecco cosa è successo, mio figlio è vivo per miracolo".

Sei persone sono morte sabato all'una di notte in una discoteca vicino ad Ancona. E un impegno: trovare i responsabili di queste sei vite spezzate, chi per cattiveria, stupidità o avidità ha trasformato una serata di festa in una tragedia. Sono sconvolto come tutti gli italiani.

Altre Notizie