Iran celebra 40 anni rivoluzione

Rivoluzione iraniana

Rivoluzione_iraniana

Centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in strada questa mattina a Teheran, in Iran, e in decine di altre città del paese per celebrare il quarantesimo anniversario del giorno della vittoria della rivoluzione islamica, in cui cadde l'ultimo governo dello scià Reza Pahlavi e l'ayatollah Ruhollah Khomeini dichiarò l'Iran una Repubblica islamica.

Nella capitale, la folla si è riversata in piazza Azadi, simbolo di quella protesta di massa, cantando slogan che invocavano sventure agli Stati Uniti.

"Gli Stati Uniti hanno ripetutamente annunciato negli ultimi anni che l'Iran sarebbe crollato, ma non è servito. Grazie alla sua resistenza e unità, l'Iran supererà i problemi e le barriere", ha detto Rohani citato dall'agenzia ufficiale Irna, riferendosi anche alle difficoltà economiche legate alle nuove sanzioni americane.

Mentre alcune bandiere a stelle e strisce bruciano tra la folla insieme a quelle di Israele, in piazza i dimostranti replicano i rituali inni di 'Morte all'America'. Un vertice che il ministro degli Esteri di Teheran Javad Zarif - a Beirut per cementare il sostegno a Hezbollah e l'influenza nel Medio Oriente arabo - prevede "destinato a fallire ancor prima di cominciare".

"L'Iran è determinato a rafforzare il suo potere militare e il suo programma missilistico: per produrre tutti i tipi di missili, anti-armatura, missili di difesa aerea, insomma tutti i tipi di missili, non dobbiamo chiedere né chiederemo il permesso a nessuno", ha voluto sottolineare il presidente. "Porteremo avanti il nostro impegno e il nostro potere militare", ha aggiunto Rohani.

Altre Notizie