L’analisi costi-benefici boccia la Tav, commissione spaccata

Elezioni Abruzzo la Lega presenta il conto al M5S Diciotti tav autonomia

Tav, esperti del ministero: 'Costa 7 miliardi di troppo'

Ieri da Firenze, dove è stata inaugurata la linea 2 della tramvia, il ministro Toninelli è sembrato entusiasta sulla pubblicazione dell'analisi: "Finalmente si aprirà un dibattito pubblico talmente importante a partire finalmente dai numeri: quanto ci costa, quanto sono i costi e quanti sono i benefici".

Presenti alla riunione il premier Giuseppe Conte, il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, i ministri Enzo Moavero Milanesi, Riccardo Fraccaro e il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Nel secondo scenario, invece, le stime, che risultano più ottimistiche, le stime sono riviste con scenari "più realistici".

Roma - Costi che superano di 7-8 miliardi i benefici, un effetto dallo spostamento delle merci su binario insufficiente rispetto alle perdite di accise e pedaggi, benefici ambientali trascurabili, un impatto sulle casse dello Stato tra i 10 e i 16 miliardi. "Numeri estremamente negativi", sintetizza il ministro Toninelli, rassicurando sull'obiettività dell'analisi e sul lavoro della task force "indipendente". Lo scenario considerato "realistico" prevede uno sbilanciamento di circa 7 miliardi di euro, che potrebbero arrivare a 8 miliardi nel caso in cui si verificassero problemi in corso di realizzazione o non fossero confermate alcune stime preliminari.

Francia e Italia sono partner economici in molte aree e le comunità finanziarie di entrambi i Paesi sostengono che il progetto ferroviario tra Torino e Lione faciliterebbe il commercio. La sua attività professionale si è svolta prevalentemente "nel settore della pianificazione delle infrastrutture di trasporto, con particolare attenzione agli aspetti legati alla simulazione e alla valutazione degli impatti socioeconomici e territoriali", compresi "studi di fattibilità tecnico-economica, valutazione d'impatto territoriale, previsioni di traffico si reti stradali e di trasporto collettivo, alta velocità ferroviaria".

"Infrastrutture che", ha proseguito "nell'interesse di tutti gli italiani, abbiamo deciso di sottoporre a questo tipo di esame, considerato a livello internazionale l'unico davvero utile al decisore politico per stabilire quali siano le migliori politiche infrastrutturali da perseguire".

Tav, Toninelli pubblica l'analisi costi benefici: saldo negativo di 7/8 miliardi. Tanto che nella relazione si spiega che "i molteplici profili evidenziati non consentono di determinare in maniera netta i costi in caso di scioglimento", dunque "le voci e gli importi oggetto di discussione possono essere indicati solo in via puramente ipotetica". Al netto dei costi massimi di ripristino e messa in sicurezza del tunnel esistente, il Vane - ossia il valore attuale netto economico - risulta negativo e pari a -5,7 miliardi. La variabile è dovuta a "più soggetti sovrani" che dovrebbero negoziare gli importi. Adesso il testo sarà sottoposto a una decisione politica. "Alla faccia dell'ambiente! Si delinea uno scenario che rischia di penalizzare pesantemente l'economia, lo sviluppo e la condizione ambientale delle nostre regioni".

Critico anche il capogruppo di Forza Italia in Commissione Trasporti della Camera, che mercoledì audirà il professor Marco Ponti, a capo della commissione che ha effettuato l'analisi.

Vero che con la Tav le emissioni di C02 si ridurrebbero, ma obiettivi ambiziosi si otterrebbero solo grazie all'innovazione tecnologica dei veicoli.

Altre Notizie